Live Sicilia

Raccolta rifiuti

Differenziata alla Fera o’luni
Multata anche la SIAE


Articolo letto 3.476 volte
VOTA
5/5
3 voti

Carmencita Santagati, Catania, Fabio Falco, fiera, IPI Oikos, piazza carlo alberto, raccolta differenziata, Cronaca

La distribuzione dei sacchetti



CATANIA – Potrebbe essere una piccola grande rivoluzione, anche se occorrerà del tempo per vederne i frutti. Si tratta del progetto pilota “Catania differenzia” della raccolta differenziata presso i mercati cittadini, avviato proprio stamattina al mercato di piazza Carlo Alberto, dove sono stati distribuiti i sacchetti agli operatori. Nei mercati cittadini, infatti, fino a oggi era stata avviata solo la raccolta della frazione organica, con la distribuzione di 80 cassonetti agli operatori del settore alimentare. “Il nostro obiettivo – spiega Alfredo Arena, dell’IPI che, insieme all’Oikos gestisce la raccolta dei rifiuti in città – è migliorare la raccolta differenziata e, contestualmente, contribuire ad aumentare il decoro del mercato principale della città.

Il responsabile della direzione Ecologia del Comune, Annamaria Li Destri, controlla i sacchetti



L’avvio del progetto è avvenuto, però, in sordina: molti degli operatori, infatti, non erano a conoscenza del servizio e gli stessi assessori alle Attività produttive e all’Ambiente, rispettivamente Fabio Falco e Carmencita Santagati, accompagnati tra gli altri dal direttore dell’ecologia, Annamaria Li Destri, si sono trovati a dover spiegare, nuovamente, quanto stabilito dall’amministrazione in materia. “Quello che abbiamo effettuato stamattina – afferma l’assessore Santagati a LiveSiciliaCatania – è un giro di verifica e confronto con chi opera ala Fiera, dal momento che il progetto coinvolge tre assessorati e serve armonia nelle decisioni, per trovare soluzioni adeguate alle problematiche che riscontriamo”.

Sono ancora incerte, ad esempio, le modalità di raccolta: se in un primo momento, infatti, l’amministrazione aveva stabilito di distribuire i sacchetti per la raccolta differenziata, dopo il sopralluogo di stamattina è probabile che questi saranno sostituiti dai cassonetti, come richiesto dagli stessi commercianti, perché più pratici. “Chiaramente

Documenti della Siae abbandonati sul marciapiede



questo è solo l’inizio di un sistema che intende rivoluzionare la gestione dei rifiuti nei mercati – prosegue la Santagati – e che, fino a quando non entrerà a regime non verranno elevato i verbali”.

Le multe, però, sono fioccate lo stesso: molti i sacchi abbandonatisul marciapiede e sulla sede stradale, ispezionati dal direttore Li Destri che ha provveduto, immediatamente, a verbalizzare gli autori dell’abbandono. Il problema, in ogni caso, rimane l’eccessiva presenza degli abusivi, segnalato dagli stessi operatori: sarebbero infatti loro, privi di un posto assegnato e spesso, responsabili dell’abbandono dei rifiuti nell’area mercatale. “Noi paghiamo il suolo pubblico e la spazzatura – spiega Mario Mazzeo, rappresentante della Commissione del mercato di piazza Carlo Alberto – ma ogni mattina troviamo cumuli di rifiuti nei nostri posti”.

Una questione, questa, già affrontata dall’assessore Falco che, insieme al collega con la delega Decoro urbano, ha incontrato il questore proprio per trovare una soluzione. “Ho preso io stesso l’impegno – spiega l’assessore Falco – di affrontare la questione dell’abusivismo attraverso interventi continuativi e interforze”. Il progetto sarà esteso anche nell'altro mercato storico della Pescheria e prossimamente anche nei mercatini rionali della città.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php