Live Sicilia

LINGUAGLOSSA, undicesimo giorno

Sciopero della fame, Puglia:
"L'antimafia delle chiacchiere"


Articolo letto 2.007 volte
VOTA
0/5
0 voti

antimafia, estorsione, linguaglossa, puglia, Cronaca

Rosario Puglia



LINGUAGLOSSA (CT) - "L'Antimafia delle chiacchiere continua la sua strategia delle parate e delle parole vuote, lasciando morire me e la mia azienda e i miei operai che provano a resistere allo strapotere dei clan e del sistema mafioso che ruota intorno a loro". Lo afferma in una nota l'imprenditore di Linguaglossa (Catania) Rosario Puglia, sottolineando di essere "all'undicesimo giorno di sciopero della fame". L'imprenditore che ha denunciato i suoi estortori continua: "La mia protesta dello sciopero della fame è sostenuta dalle Associazioni “I Cittadini contro le Mafie e la corruzione”, “Antonino Caponnetto” e dall'“Associazione Nazionale testimoni di giustizia vittime di criminalità e crimine”. Puglia chiede di incontrare il Governatore Rosario Crocetta, il Prefetto di Catania Francesca Cannizzo ed il Procuratore della Repubblica Giovanni Salvi.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php