Live Sicilia

L'argentino in salastampa

Izco suona la carica:
"A Napoli per fare risultato"


Articolo letto 3.038 volte
VOTA
5/5
1 voto

catania calcio, izco, maran, napoli, Sport
TORRE DEL GRIFO (Mascalucia). Mariano Izco fu il primo argentino ad indossare la maglia del Catania dopo il ritorno dei rossoazzurri nella massima serie. Da allora, ha visto sempre più ingrossarsi la colonia sudamericana che sta contribuendo alle fortune della squadra etnea. Quest'anno, Marianito (com'è affettuosamente chiamato dalla tifoseria) sta disputando un grande campionato, merito probabilmente dei dettami tattici di mister Maran oltre che di uno stato di forma ottimale dopo l'infortunio che lo tormento' nella passata stagione.

"Il merito dell'attuale posizione di classifica e di tutto il gruppo e non del singolo. Io mi abituo a qualsiasi posizione ma sicuramente rendo di più se giocò a centrocampo".

- Obiettivi?

"È una bellissima classifica ma non ci dobbiamo montare la testa perché se dovessimo perdere due partite...sei sotto un'altra volta. Quindi dobbiamo restare tranquilli e andare passo dopo passo, affrontando una gara alla volta col massimo impegno".

- Catania baciato dalla sorte?

"Noi all'inizio abbiamo perso punti immeritatamente, anche per colpa di errori arbitrali. Capita a tutti. Il calcio e' questo. Contro la Fiorentina siamo stati fortunati in occasione delle due traverse colpite dai viola: speriamo che continui a girare così !"

- Il Napoli prossimo avversario.

"Loro sono una grande squadra ma noi andiamo al San Paolo per fare risultato. Tutte le squadre hanno qualche punto debole e noi cercheremo di sfruttare quelli della squadra di Mazzarri. Dobbiamo affrontare la vice capolista senza paura, a viso aperto".

- Qual'e' il modulo migliore?

"Il mister cambia assetto a seconda delle situazioni, vedi assenze. ma noi seguiamo le sue indicazioni senza problemi. La vittoria sulla Fiorentina ci ha dato ulteriore slancio per il prosieguo del campionato. La salvezza e' il nostro obiettivo primario ma non posso nascondere che mi piacerebbe, quest'anno,ambire a qualcosa di più. Ripeto, però , che dobbiamo restare umili per non rovinare quanto di buono fatto sinora".

- Dispiaciuto per Marchese?

"Giovanni e' un'ottima persona ed un bravo calciatore ma non posso entrare nel merito della sua situazione con la società . Problemi loro".

- Siete attesi da due trasferte insidiose?

"Si, prima pensiamo al Napoli e poi all'Atalanta. Io ho lottato sempre, superando l'iniziale scetticismo dei tifosi nei mie confronti. Sono contento che poi si siamo ricreduti sul mio conto. Inoltre, da qui alla fine di questo campionato, spero di fare qualche gol per il Catania".

- Cosa cambia con il ritorno in squadra di Lodi e Bergessio che hanno scontato la squalifica?

"Chi va in campo... da sempre il massimo. A Napoli saranno nuovamente disponibili".

- Pensi alla Nazionale?

"E' ovvio che la speranza non manca mai, ma qui a Catania sto benissimo".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php