Live Sicilia

10 ARRESTI

Maxi operazione, 10 arresti
"Associazione per delinquere e truffa"


Articolo letto 11.334 volte
VOTA
5/5
3 voti

associazione per delinquere, Catania, dieci arresti, truffa, Catania, Cronaca

Da dx G.B. Bellavia, G. Biffi e G. Santangelo



CATANIA - Truffa e frode nei confronti di 8 banche, 8 finanziarie e diverse concessionarie di auto e moto per una somma pari a 360 mila.  Questo quanto è stato scoperto dalla polizia stradale di Ragusa e Catania nel corso dell'operazione 'Dry&Fly' che ha portato all'arresto di 10 catanesi. L'organizzazione criminale era composta da tre pregiudicati Giuseppe Roberto Bellavia, 30 anni, Giuseppe Biffi, 44 anni, Giuseppe Santangelo, 65 anni, detenuto in carcere e da altri sette soggetti a cui sono stati concessi gli arresti domiciliari. Z. M., M.S.G, pregiudicato di 29 anni, C.C.A., il 26enne P.A.V., P.C. di 28 anni, S.D. di 25 anni e N.M.S pregiudicato del 32 anni.

Gli arresti di oggi sono stati possibili dopo mesi di attività di intelligence, svolta con l'ausilio di intercettazioni telefoniche e video. Gli agenti ragusani sono risaliti alla prima truffa commessa a Catania, così l'inchiesta per competenza è stata trasmessa alla Procura etnea, che ha coordinato il proseguimento delle indagini, dirette dal sostituto procuratore Michelangelo Patanè, che hanno portato a smascherare l'organizzazione criminale. Difficilissima l'identificazione dei componenti della banda che utilizzavano falsi documenti, false identità e - per depistare le intercettazioni - comunicavano anche attraverso dei pseudonimi e nickname. Sono stati infatti determinanti i pedinamenti e le acquisizioni documentali effettuati tra Catania e Ragusa a fornire le prove schiaccianti ai magistrati.

Conferenza stampa dell'operazione alla Stradale di Catania



Uno degli arrestati aveva avviato un'attività commerciale nel capoluogo etneo ed attivato un conto corrente bancario, con falsi documenti. Tutto solo per attivare un Pos utilizzato indebitamente per fare transazioni del valore di 31 mila euro con 11 carte di credito, intestate a stranieri, che ne avevano subito il furto o le avevano smarrite. I due falsi piloti avevano utilizzato i documenti, i loghi di una compagnia aerea ed i certificati rubati a due catanesi.

Per gli arrestati le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alle truffe, fabbricazione di documenti falsi e sostituzione di persona.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php