Live Sicilia

Botta e risposta

Deferito Pulvirenti
"Marotta? Impiegato Juve"


Articolo letto 3.475 volte
VOTA
1/5
1 voto

Catania, juventus, marotta, nino pulvirenti, procuratore federale, Sport
ROMA. Il Procuratore Federale delle Figc ha deferito dinanzi alla Commissione Disciplinare Nazionale il presidente del Catania Antonio Pulvirenti, e la società medesima a titolo di responsabilità diretta, per aver "espresso pubblicamente giudizi e rilievi lesivi della reputazione del presidente della società F.C. Juventus, Andrea Agnelli".

Da Milano a Catania. Gli echi delle polemiche sulle elezioni in Lega di A giungono sino a Torre del Grifo, centro sportivo del Catania, dove è stato presentato il nuovo acquisto Edgar Cani. E' il presidente Nino Pulvirenti, nuovo consigliere federale, a riprendere il botta e risposta con Andrea Agnelli e Beppe Marotta: "Come faccio a rispondere a Marotta? Cosa poteva dire di diverso da quello che ha detto? Marotta è un impiegato della Juve e Agnelli è il suo datore di lavoro. Magari non ha detto quel che pensa".

E poi: "Deferimento? Mi è stato annunciato da qualche giornale - osserva Pulvirenti - dovesse arrivare davvero (cosa che è accaduta qualche ora più tardi, ndr), sarò costretto a difendermi e a dire esattamente quel che è accaduto in assemblea e ciò che è stato detto su di me, cosa che finora non ho fatto". "La replica ad Agnelli? Non ho cominciato io - sottolinea il presidente del Catanuia - Ribadisco che ho risposto, e sottolineo ancora una volta risposto, a una provocazione del presidente della Juventus. Le elezioni in Lega? C'é stata una regolare votazione, stiamo a vedere - conclude Pulvirenti - se questo governo saprà fare qualcosa e poi giudichiamolo in base ai fatti".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php