Live Sicilia

la sentenza

Pestato e bruciato vivo
Killer condannato in Cassazione


Articolo letto 10.046 volte
VOTA
1/5
1 voto

francesco ventura, giuseppe rutella, omicidio, paternò, salvatore cicero, Cronaca

Francesco Ventura, killer



PATERNO'. L’assassinio del paternese Salvatore Cicero era stato quanto di più cruento e drammatico si potesse arrivare a descrivere. Massacrato a calci e pugni dalle due persone con le quali si era dato appuntamento per “dirimere su alcune questioni” nelle campagne di contrada Porrazzo-Scalilli e poi, quando era ancora vivo, cosparso di benzina e bruciato vivo. Una storia terribile. Una vicenda raccapricciante accaduta il 29 ottobre del 2002 e che, oggi, trova la giustizia essersi pronunciata in maniera definitiva.

Per l’assassinio di Salvatore Cicero è stato condannato a 21 anni di galera anche il secondo colpevole dell’omicidio: Francesco Ventura. Già in carcere, dal 2005 si trova, invece, Giuseppe Rutella condannato a 12 anni.

Salvatore Cicero, vittima



Furono i carabinieri della Compagnia di Paternò a condurre le indagini sull’assassinio. Attraverso una lunga e capillare operazione d’inchiesta supportata da diverse intercettazioni telefoniche ed ambientali, i militari risalirono a Ventura (ritenuto dagli inquirenti l’esecutore ed ideatore materiale della morte di Cicero) e Rutella.

Ventura in primo grado venne assolto; poi condannato, però, in Appello e Cassazione. Venne chiesta la revisione del processo: ma anche in questo caso, al termine di altri due gradi di giudizio (l’ultimo di queste ore in Cassazione) la condanna è stata confermata. “Uno di quei casi nei quali possiamo ben dire che la giustizia italiana funziona – spiega Nino Grippaldi legale della famiglia Cicero -: alla fine giustizia è stata fatta passando praticamente per cinque gradi di giudizio”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php