Live Sicilia

Rifiuti in provincia

Crocetta e Marino in città
"Presto azioni incisive"


Articolo letto 6.103 volte
VOTA
5/5
2 voti

Catania, dia, Nicolò Marino, rifiuti, rosario crocetta, Catania
CATANIA - Il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta e l’assessore all’Energia e ai servizi di pubblica utilità, Nicolò Marino, si sono recati presso la Direzione Investigativa Antimafia di Catania e presso la Procura della Repubblica del capoluogo etneo dove hanno incontrato i vertici delle due strutture, per esprimere la propria solidarietà e soddisfazione per il grande lavoro svolto con l’operazione “Nuova Ionia”. Lo fa sapere lo staff del governatore in una nota. "Il settore dei rifiuti – affermano Crocetta e Marino – è un pozzo di San Patrizio senza fine di affari per le cosche mafiose, ed è proprio in questo settore che ci sono stati i primi provvedimenti che tendono a smantellare questi ed altri interessi. “Proprio in questo settore – aggiunge il governatore - la Presidenza della Regione sta predisponendo direttive molto forti, che saranno rese note nei prossimi giorni, finalizzate a contrastare in modo rapido ed efficace il fenomeno mafioso”. Già da sindaco di Gela il Presidente aveva denunciato lo scandalo di aggiudicazioni affidate a gruppi ed imprese in Sicilia, col ribasso dello 0,01%.

"La legalità per noi è una scelta di vita, poi speriamo sia anche tema delle prossime elezioni politiche", ha affermato all'Ansa il presidente della Regione Siciliana confermando che sabato presenterà una sua lista che sarà "apparentata col Pd". "In lista ci saranno tutti uomini di grande cultura - ha aggiunto il governatore - intellettuali e persone impegnate nella lotta alla mafia. Ci saranno l'assessore Nicolò Marino, Beppe Lumia e Antonio Presti di Fiumara d'arte, ma anche altri nomi a sorpresa. Non voglio fare anticipazioni perché bisogna che prima le cose maturino nel movimento, siano accettate e poi rese pubbliche". "L'apparentamento con il Partito democratico è un dato acquisito - ha spiegato Crocetta - certo potevamo fare altre scelte, come presentare una nostra lista nazionale, ma invece di creare il solito partitino che divide abbiamo preferito la scelta dell'unità perché questa vogliamo vincere".

Crocetta ha parlato anche della questione dei giornalisti dell'Ufficio stampa della Regione: "Vi possiamo licenziare in qualsiasi momento, tranne quelli assunti con i concorsi". Il  governatore si è rivolto ai giornalisti che lo attendevano davanti il Palazzo di giustizia di Catania, commentando il rigetto, da parte del Tribunale di Palermo, del ricorso dell'Associazione siciliana della stampa sulla antisindacalità dell'interruzione del rapporto di collaborazione con i 21 giornalisti addetti all' ufficio stampa e documentazione della Presidenza della Regione.

Per Marino, "nel settore dei rifiuti occorre prevenire e non arrivare a operazioni come queste, il nostro fine è la cultura dell'interesse pubblico a tutti i costi". "Occorre anche riprogrammare il settore delle discariche - ha aggiunto Marino all'Ansa - dando la precedenza a quelle pubbliche. Non é possibile che venga gestito, quasi in situazione di monopolio, da privati anche con delle pressioni sull'Ente quando non sono pagati i canoni con la chiusura dei cancelli che blocca il conferimento dei rifiuti. E con il sovraprezzo - ha osservato l'assessore - che questo comporta: rifiuti che viaggiano per la Sicilia a costi esorbitanti e inaccettabili. Questo è uno dei programmi che la presidenza e il governo regionale intendono perseguire".

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php