Live Sicilia

ARCIGAY

"Crocetta ci ha convinto,
ora vigileremo sull'operato"


Articolo letto 3.349 volte
VOTA
5/5
2 voti

arcigay, Catania, crocetta, giovanni caloggero, lgbt, omosessuali, Politica
 

CATANIA - Nelle voci del dibattito politico che si è acceso all'indomani del voto delle regionali, mancava quella della comunità gay. Un analisi che non poteva essere tralasciata visto che Rosario Crocetta, neo presidente della Regione Siciliana, è un omosessuale e questo, rappresenta, un polmone di speranza per i tanti siciliani che vogliono un maggiore impegno nelle politiche delle pari opportunità. Il presidente dell'Arcigay Catania, Giovanni Caloggero confida a LiveSiciliaCatania: "la notizia della candidatura di Crocetta è stata accolta con favore dalla nostra associazione sin dal primo momento".

" Voglio sottolineare - afferma - che Arcigay non è una associazione politica nel senso partitico del termine, noi facciamo politica perché i cittadini omosessuali sono dei cittadini come gli altri, e quindi ci occupiamo di diverse problematiche che poi di riflesso investono la comunità gay. Noi abbiamo appoggiato Crocetta - continua - prima di tutto perché è dichiaratamente omosessuale, ma quello che ci ha convinto ancora di più è stata la sua storia personale. Il presidente ha portato avanti un'importante battaglia antimafia, ha illustrato un programma che finalmente dopo 30 anni di centrodestra porterà, e spero ci riuscirà, trasparenza negli appalti pubblici e nella gestione della cosa pubblica, valorizzazione della cultura, delle forze sociali e delle associazioni, ed in particolare valorizzazione della comunità Lgbt alla quale noi apparteniamo".

"Ovviamente - conclude Caloggero - noi siamo qui a vigilare e a seguire le azioni che sceglierà di attuare. Non pensiamo che Crocetta abbia la bacchetta magica. Da parte nostra c'è la massima apertura. Speriamo di non rimanere delusi, ma penso proprio di no".

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php