La campagna certo non è passata inosservata a Palermo. E ha fatto discutere. Per un pezzo nelle strade cittadine si sono visti cartelloni pubblicitari che parlavano dei “palermitani che non stanno solo a guardare”, fissando l'appuntamento al 21 maggio per svelare l'arcano. Pubblicità elettorale, hanno pensato i più, visto che per quella data erano in calendario i ballottaggi per le amministrative. E così la città s'è divisa tra chi sosteneva si trattasse di una campagna di Fabrizio Ferrandelli e chi pensava si trattasse di Leoluca Orlando, fino alla comparsa di qualche manifesto che con poca fantasia riprendeva la campagna inneggiando a quest'ultimo. Alla fine il mistero è stato svelato. La campagna annunciava il restyling di LiveSicilia.it per il quale alcuni testimonial palermitani, è il caso di dirlo, ci hanno messo la faccia. Per le strade di Palermo sono apparsi i “faccioni” di Gianfranco Marrone, semiologo e firma di I love Sicilia, dello scrittore e autore teatrale Davide Enia, di Stefania Petyx, inviata di Striscia, della stilista Lidia Tomkow, del web strategist Pillo Esposito Lavina, e dell'hair stylist Michele Valenti. Tomkow, Marrone, Esposito Lavina e Valenti hanno posato gratis, mentre Petyx ed Enia hanno chiesto che un rimborso simbolico fosse versato, rispettivamente, alle onlus "Ali per volare" e "Medici senza frontiere".

//