Live Sicilia

L'assemblea del Pd

Termine e Galvagno:
"Non vogliono farci votare"


Articolo letto 2.185 volte

cracolici, crisafulli, enzo napoli, galvagno, lupo, mozione di sfiducia, pd, termine, Politica
Sono deputati regionali del Pd, ma non risultano iscritti al Pd. L'assemblea non è ancora iniziata quando spunta la prima grana. Due deputati regionali del Pd, Salvatore Termine ed Elio Galvagno accusano: "Non vogliono farci votare".

E non sono mancate le parole grosse verso il presidente dell'Assemblea Enzo Napoli. Alla base dello scontro un cavillo regolamentare, ma anche, in un certo senso, politico. I due deputati, di Enna, infatti, non sarebbero iscritti nell'unico dei due circoli della città riconosciuto dal partito. Un circolo che fa capo a Mirello Crisafulli col quale non correrebbe buon sangue a causa di un contenzioso legato a un congresso provinciale svolto proprio a Enna e non riconosciuto dai due deputati. "Lì il circolo - la protesta di Termine - viene gestito come fosse proprietà privata".

Così, i due deputati avevano scelto un'altra strada: quella dell'iscrizione online al circolo. PAssaggio formale necessario a ritirare la delega per il voto oggi in assemblea.

"Ma il circolo - affonda Termine - non ci ha mai contattato per darci la delega. Anzi, il partito ci manda una comunicazione con la quale ci dice che siamo sospesi dall'organismo". Una decisione che i due deputati proprio non hanno digerito: "In due anni - aggiunge Termine - ho versato al partito qualcosa come 120 mila euro. Oggi mi dicono che non posso votare. A questo punto le soluzioni sono due: o mi restituiscono i soldi, o contatto il mio avvocato".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php