Live Sicilia

CATANIA

Dichiara al padre di essere gay
E lui lo minaccia con le forbici


Articolo letto 1.021 volte
VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Un giovane di 25 anni è stato minacciato con una forbice e buttato fuori di casa dal padre perché omosessuale. A rendere nota la vicenda è stata l'Associazione GayLib, che ha raccolto un appello lanciato via web dal giovane, che ha raccontato come il padre, all'antica e molto violento, abbia cominciato a denigrarlo e insultarlo pesantemente non appena venuto a conoscenza dell'omosessualità del figlio.

Il giovane Luca - nome di fantasia - sarebbe stato inoltre costretto dal padre ad abbandonare gli studi per lavorare in campagna. A GayLib Luca ha raccontato che al culmine di una lite il padre l'ha chiamato 'difettoso' e gli ha puntato contro una forbice. Dopo l'episodio il giovane è stato buttato fuori di casa ed ha vissuto in una vecchia Fiat Panda, totalmente abbandonato anche dal resto della famiglia per timore del padre.

L'appello di Luca: "Mio padre mi ha sbattuto fuori di casa, cerco un lavoro qualsiasi", è stato raccolto da GayLib, che ora ospita il ragazzo e chiede alla società civile e ai media di "aiutare questa giovane vittima dell'omofobia a trovare un lavoro dignitoso". "Con i miei occhi - ha detto il coordinatore regionale di GyLib Sandro Mangano - ho potuto constatare che il giovane porta ancora sull'addome i segni di un cacciavite scagliatogli addosso dal padre in un momento di rabbia, gesto che non è stato denunciato per ritrosia del ragazzo, ma che non può e non deve passare sotto traccia". "Spero con forza - ha concluso Mangano - che non si abbassi mai la guardia su un problema serio e preoccupante come l'omofobia. La nostra associazione conta tantissimi casi come quello di Luca. E' l'ora della sveglia, o sarà un gioco al massacro".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php