Live Sicilia

NEL GOLFO DI MONDELLO

World Festival on the Beach:
Dominio di Esposito e Sensini


Articolo letto 1.026 volte
baglione, belli dell'isca, esposito, Mauro Giaconia, mondello, sensini, windsurf world festival, world festival on the beach, Sport

I due nazionali azzurri alle prossime Olimpiadi di Londra 2012 si aggiudicano la competizione nelle acque di Mondello riservata alla classe RS:X. Sulla tavola Techno 293 si afferma il francese Baptiste Carissan.

VOTA
0/5
0 voti

L’inizio dell’ultima giornata della 27ma edizione del World Festival on the Beach non prometteva nulla di buono, vista la bonaccia che ha contraddistinto la mattinata nel golfo di Mondello. Improvvisamente, però, Eolo ha deciso di tornare ad agitare le acque di Palermo e così le classi RS:X, Techno 293 e Windsurfer sono state chiamate immediatamente in mare. Due le prove disputate per ogni classe e successo che nel Sicily Grand Prix arride ancora una volta nella classe olimpica RS:X (5 prove disputate ed uno scarto) a Federico Esposito, prossimo rappresentante maschile ai Giochi Olimpici di Londra 2012 e già vincitore lo scorso anno della classica regata individuale del World Festival on the Beach. Il piombinese ha infilato un primo ed un secondo posto, scartando il quarto della seconda prova disputata sabato e volando in testa alla classifica con 6 punti. Alle sue spalle, Riccardo Belli dell’Isca, secondo e decimo nella giornata, che con i suoi 9 punti precede l’argentino Julian Lopez Becker, fermo al terzo posto e che non è riuscito ad andare oltre un quarto ed un quattordicesimo piazzamento. Fuori dal podio i due russi, argento all’Europeo a squadre, Boris Minaev ed Aleksandr Askerov, che hanno preceduto Marcantonio Baglione, sesto assoluto.
A vincere tra le donne è stata la grossetana Alessandra Sensini. Con il settimo posto assoluto, l’olimpionica si piazza davanti all’australiana Jessica Crisp (10ma) ed alla russa Anjela Poludarova (15ma). Tra gli youth, il migliore è stato Luca Matracia, chiudendo in 14ma posizione.

Sulla tavola Techno 293 (4 prove disputate ed uno scarto), il francese Baptiste Carissan bissa il successo ottenuto con la sua nazionale nel Campionato Europeo a squadre concluso ieri. Il transalpino vince davanti ai due russi Eugeny Ayvazan ed Andrij Zagainov, ormai una presenza fissa a Mondello e soprattutto sui podi che contano. Primo degli italiani, Giuseppe Zerillo che chiude al sesto posto, mentre Antonino Cangemi è il primo under 15 con il suo nono posto assoluto.

In campo femminile, la giovane russa Stefanija Elftutina migliora il secondo posto ottenuto lo scorso anno vincendo davanti alla francese Delphine Jariel ed alla britannica Emily Hall. La prima italiana è l’under 15 Giulia Alagna (31ma).
Il classico duello che per anni ha infiammato Mondello tra Paco Wirz e Riccardo Giordano, è stato risolto dal romano Mario Valdivieso, che ha vinto la classifica overall della regata riservata alle tavole Windsurfer (4 prove disputate ed uno scarto). Al secondo posto Wirz che precede di una sola lunghezza Giordano. Migliore donna del lotto, Eleonora Sensini, sorella dell’Alessandra nazionale, che ha concluso in 12ma posizione nella ranking overall.
In mattinata, si è nuovamente esibita sul cielo di Mondello la pattuglia acrobatica di Blu Circe, che al termine dello show, dopo avere esibito un bel tricolore, ha omaggiato il pubblico lasciando due scie di fumo rosa in onore dei colori della squadra di calcio cittadina.

Nel pomeriggio si è conclusa anche la Spring Cupdi beach volley con la conquista del titolo di King of the Beach del duo composto da Fabio Anzà e Manuele Teresi che in finale ha sconfitto due set a uno la coppia Ferrara-Greco. 
Nella Trinacria Ocean Racing 2012, gara di Kayak a mare e surfski di 6 miglia, organizzata dalla Società Canottieri Trinacria, primo posto per Francesco Mandragona (SEA KAYAK AUGUSTA), seguito da Salvatore Buono (SEA KAYAK AUGUSTA) e Roberto Cianchi (LNI Sorrentino - Sottocosta).

Missione compiuta, infine, per il nuotatore palermitano Mauro Giaconia, 41 anni, che è riuscito nella sua impresa. Partito sabato alle 6.30 da San Vito Lo Capo, è arrivato a Mondello alle 22.40 dopo 56 chilometri percorsi in 16 ore e 12 minuti, accolto da tanta gente, sia gli amici, ma anche dai tanti curiosi presenti all’Albaria che lo hanno applaudito a lungo.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento