Live Sicilia

Regione, le grandi manovre

Cardinale lancia un ponte all'Udc
"D'Alia? Un buon candidato presidente"


Articolo letto 1.253 volte

cardinale, d'alia, elezioni, pd sicilia, presidenza, regione siciliana, udc, Politica
"Chi meglio di noi per fare i pontieri?". L'ex ministro Salvatore Cardinale, esponente della corrente "Innovazioni" del Pd siciliano, lancia l'alleanza con i centristi in vista delle prossime elezioni regionali che si dovrebbero tenere a ottobre. In una intervista rilasciata all'edizione palermitana di Repubblica, Cardinale analizza i dati delle amministrative palermitane e conclude che "per vincere con agilità le elezioni regionali abbiamo bisogno che stia con noi tutto il centro, anche l'Mpa, o come si chiamerà, visto che Lombardo vuole scioglierlo per fare un'altra cosa". E a proposito del governatore, Cardinale si ritiene certo che il leader dell'Mpa si dimetterà a giugno. "Lo ha garantito a noi in privato e ai siciliani in pubblico".

Cardinale si dice d'accordo con Beppe Lumia, contrario al rimpasto, perché "a noi non interessa - dice - a noi interessa entrare nel prossimo governo". E per farlo, Cardinale ritiene necessario un accordo con l'Udc di Gianpiero D'Alia. "E' quello che si sta facendo a Roma, non capisco perché qui sembra una forzatura. A partire dall'Udc - aggiunge - dobbiamo ragionare per utilizzare tutte le energie del centrosinistra e del centro per vincere le elezioni".

E si arriva al punto. D'Alia candidato presidente della Regione? "Apprezzo D'Alia - risponde Cardinale - era uno dei giovani capaci e bravi che ho lanciato da vice segretario nazionale del Ccd, consacrandolo a segretario provinciale di Messina. Stabiliamo un metodo, delle regole e vediamo chi sarà il candidato di tutti, super partes. D'Alia è un buon candidato. Se dovessi dire a D'Alia che c'è qualcuno migliore di lui, anche lui non direbbe di no".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php