Live Sicilia

Il delitto di Stefania e di suo nonno

La pietà impossibile


Articolo letto 730 volte
VOTA
0/5
0 voti

, Catania, Cronaca
(rp) Altre volte, qui - magari attirandoci il fuoco amico dei lettori - abbiamo scritto parole di comprensione e di pietà per persone che avevano sbagliato. Le abbiamo scritte per la mamma di Samuele, il bimbo massacrato di botte all'Albergheria. L'atrocità del misfatto rimane. Ma invitavamo a considerare il contesto, la povertà, lo scempio di una vita distrutta spaccata in due da un gesto d'odio. Abbiamo scritto che non ci pareva giusto gioire per la morte di un malacarne, quando molti lettori brindavano in una festa oscena ai margini di un cadavere.

Ora l'Ansa riporta le parole di Loris Gagliano, il ragazzo che - secondo la cronaca - ha ucciso Stefania Noce, la sua ex fidanzata, e il nonno, Paolo Miano, a Licodia Eubea. Leggiamolo il lancio di agenzia: ''La amavo più della mia vita''. Questa la frase che al suo avvocato ha ripetuto più volte Loris Gagliano, il giovane di 24 anni fermato martedì scorso ad Acate (Ragusa) con l'accusa di aver ucciso a colpi di coltello poche ore prima a Licodia Eubea, in provincia di Catania, l'ex fidanzata Stefania Noce sua coetanea, il nonno di lei, Paolo Miano di 71, e ferito la moglie di quest'ultimo, Gaetana Ballirò, di 72. Il legale del giovane, l'avvocato Gino Ioppolo, ha avuto un colloquio nel pomeriggio nel carcere di Ragusa con Loris Gagliano e ha detto di averlo trovato ''addoloratissimo e sofferente''. ''Intende collaborare il più possibile con l'autorità giudiziaria - ha concluso il legale - e fa un grande sforzo per ricostruire l'enorme buco di memoria che ha''.

E' un dolore che ci vede lontani. Anzi, per essere precisi, ci comunica un sentimento tra l'indifferenza e la rabbia, perché troppo è stato smarrito per sempre, irrimediabilmente. Le vittime della storia sono una bellissima ragazza innamorata della sua gioia e un nonno innamorato di sua nipote. E parliamo dell'evidenza, dei corpi, delle biografie spezzate, lasciando nell'ombra la grande sofferenza degli altri, parenti e amici. Tutto il presunto pentimento di Loris - se la sua colpevolezza verrà marchiata col fuoco - non varrà un grammo dei pensieri di Stefania. E le sua dichiarazione d'amore postuma suona come una bestemmia. La pietà è impossibile.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php