Live Sicilia

Catania

Delitto Raciti, processo d'appello
Confermata la condanna a Micale


Articolo letto 937 volte
VOTA
0/5
0 voti

daniele micale, filippo raciti, Cronaca
La Corte d'assise d'appello di Catania ha confermato la condanna a 11 anni di reclusione per Daniele Micale, il 24enne imputato per l'omicidio dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti, morto duranti gli scontri con ultras etnei nel derby di calcio con il Palermo del 2 febbraio 2007 allo stadio Massimino. Micale in primo grado, il 22 marzo del 2010, era stato condannato alle stessa pena per omicidio preterintenzionale e resistenza a pubblico ufficiale. Per concorso in omicidio il Tribunale per i minorenni, il 9 febbraio del 2010, aveva già comminato 14 anni di reclusione a Antonino Speziale, all'epoca non ancora maggiorenne.

Il processo d'appello per Speziale è in corso. Micale era in aula alla lettura della sentenza ed è esploso in lacrime. "E' lo sfogo per la rabbia di chi è stato condannato sapendo di essere innocente", hanno commentato i suoi legali, gli avvocati Mimmo Cannavò e Eugenio De Luca che hanno annunciato ricorso in Cassazione. Micale era stato arrestato il primo aprile del 2008 dalla polizia per concorso nell'omicidio dell'ispettore di polizia. Era stato scarcerato il 20 giugno successivo dalla quinta sezione penale del Tribunale del riesame di Catania. Alla sua identificazione la polizia era giunta attraverso un indumento: una felpa nera, personalizzata, con la scritta 'Meglio diffidato che servo dello Stato' accanto all' effigie che riproduce un elefante color rosso-azzurro e alla scritta bianca con la dicitura Ultras.

E' stato l'elemento determinante a 'scagionare' il fratello gemello dell'indagato, Antonio, che era al Massimino, ma non indossava quella felpa. L'imputato si è sempre riconosciuto nelle immagini del sistema televisivo che lo riprende mentre assieme a Antonino Speziale ha in mano un sottolavello. Ma Micale ha sempre ribadito di essersi "sostanzialmente limitato ad appoggiare la mano sul pezzo di lamiera" che "teneva una persona" a lui sconosciuta, di "essersi distratto alla ricerca con lo sguardo di un amico" che era con lui e quindi di "non avere visto se ci fossero stati contatti con le forze dell'ordine".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php