Live Sicilia

Il corteo a Palermo

La protesta di Lipari:
"Non toccate il nostro ospedale"


Articolo letto 572 volte
VOTA
0/5
0 voti

lipari, protesta, Cronaca
"Lo smantellamento del punto nascite è solo l'inizio: poi taglieranno il personale degli altri reparti, da medicina a diagnostica, e così via fino a ridurre l'ospedale di Lipari a un pronto soccorso. A questo scenario ci opponiamo con tutte le nostre forze". Lo dice Mariano Bruno, sindaco di Lipari, poco prima di partecipare in commissione Sanità all'Ars a un'audizione sul decreto, voluto dall'assessore alla Salute Massimo Russo (nella foto), che prevede la riorganizzazione dei punti nascita. "Fino ad ora l'unico spiraglio ci è dato dalle dichiarazioni del ministro Fazio - aggiunge Bruno - perché nonostante l'assessore Russo abbia sospeso il decreto per un mese lo smantellamento del punto nascita di Lipari è già in atto. Di questo passo non si rispettano nemmeno i livelli essenziali di assistenza (Lea), e non si garantisce la sicurezza dei cittadini, tanto è vero che aumenta il numero di eoliani che lasciano le isole per trasferirsi altrove. Oltretutto l'ospedale di Lipari è il riferimento per le altre sei isole delle Eolie, è una struttura fondamentale".

Presente all'audizione anche il sindaco di Pantelleria, Alberto Di Marzo. "La nostra situazione è molto simile a quella di Lipari - afferma - ma a Pantelleria ci sono due problemi in più: la distanza dalla terraferma è tre volte superiore rispetto alle Eolie, e da noi il fattore climatico è determinante. Ci sono giorni che il vento non permette all'elisoccorso neppure di alzarsi in volo. Insomma, il maltempo rischia di isolare Pantelleria, per questo l'assistenza sanitaria deve essere garantita nell'isola: a meno che - conclude il sindaco sorridendo - l'assessore Russo non ci garantisca una convenzione col Padreterno, che assicuri bel tempo tutto l'anno..."

(Fonte ANSA)


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php