Live Sicilia

Il Pdl: "Il Pd non è più col suo capogruppo"

"Mozione? Nessun passo indietro
Cracolici è sempre più solo"


Articolo letto 491 volte

antonello cracolici, ars, leontini, mozione di sfiducia, pdl, raffaele lombardo, Politica
(A.S.) Nessun passo indietro. Nessun ripensamento. Il Pdl va avanti sulla strada della mozione di censura, a dispetto dei dubbi sollevati dal capogruppo del Pd Cracolici: “Siamo di fronte – ha detto ieri - ad un altro dei tanti proclami che non avrà alcuna conseguenza, perché il centrodestra è terrorizzato dall'idea di andare a casa, sapendo che difficilmente tornerà a sedere fra i banchi di sala d'Ercole''. E la replica dei berlusconiani all'Ars arriva con una sorta di “lettera aperta”. Eccola:

“Stia sereno l’onorevole Cracolici. I partiti dell’opposizione non sono in vendita. Fanno le loro battaglie con convinzione e dignità. Certamente non capiterà a Pdl, Pid e FdS di presentare mozioni per poi ritirarle. In questo campo lasciamo il primato a Cracolici, presentatore della mozione contro l’assessore Armao e poi acrobatico trasformista nel ritirarla per guadagnarsi la meschina pagnotta dell’ingresso in maggioranza.
Il bello è che Cracolici utilizza le stesse minacciose affermazioni all’interno e all’esterno. Si è confuso. Ai suoi dice che se continuano ad isolarlo, rischiano di far passare la mozione e di andarsene a casa. La stessa cosa dice all’opposizione, che persegue proprio l’obiettivo di mandare a casa un governo ribaltonista, trasformista e artefice di disastri.
Gli onorevoli Finocchiaro e Bindi sfiduciano il Governo e il governatore. La base del Pd si ribella contro le scelte di Cracolici. Le direzioni regionali e nazionali lo hanno smentito ed isolato.
Non gli rimane che la proterva solitudine del satiro, ricordando Flaiano. Più è solo e più scarica satire sull’opposizione. Ma nel fuggire dall’Aula per non difendere l’assessore Russo, è costretto ad attuare ritorsioni nei confronti dei suoi colleghi rimasti in aula. In puro stile lombardi ano. Ha perduto tutto: identità, appoggi e partito.
Continui pure a fare la guardia al bidone. Gli rimane solo questo compito. E la smetta delirare onnipotenza  'Io sono il Pd', perché è il Pd a dire che non è con lui”.

(Nella foto il capogruppo del Pdl, Innocenzo Leontini)


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php