Live Sicilia

Il dirigente in lite con Venturi

L'addio dopo la polemica
Romano lascia l'incarico


Articolo letto 719 volte

dimissioni, marco romano, regione, venturi, Politica
Dopo tanto clamore, accuse reciproche e comunicati stampa infuocati, la “storia” tra l'assessore Marco Venturi e il “suo” dirigente generale Marco Romano finisce nel silenzio. Nei “no comment” dei diretti interessati.
Di sicuro c'è che Marco Romano ha deciso di dimettersi. Ha lasciato quel ruolo di vertice del dipartimento Attività produttive che tante polemiche aveva sollevato. “Mancanza di titoli idonei”, ma soprattutto di quel “rapporto di fiducia” alla base della chiamata dell'”esterno”. Questi i motivi dell'eterna polemica tra il manager e l'assessore.
Del resto, Romano era stato voluto direttamente dal presidente Lombardo. A costo di scontarsi (cosa che è puntualmente avvenuta) con l'esponente della giunta vicino a Confindustria.
Più volte, Venturi aveva chiesto a Lombardo la “testa” di Romano. Al punto da porre aut aut molto decisi: “O lui, o io”.
Una presa di posizione forte. Tanto forte che appena quattro mesi fa, Romano confidava a Live Sicilia di sentirsi “disorientato. Io – spiegava il dirigente - non remo contro l’assessore, io lavoro a favore della Regione Siciliana. Provo un grande imbarazzo in questa situazione, ma non posso permettere che nessuno, per mere strumentalizzazioni politiche, leda il mio buon nome e la mia dignità professionale. Se non vogliono Romano, lui non resta in mezzo a una strada. Romano se ne torna felicemente a fare il suo gratificante lavoro di ricercatore universitario. Indaghino pure, io non ho nulla da nascondere. Se riuscirò a tradurre il mio entusiasmo all’interno degli uffici con cui mi relaziono, io sarò soddisfatto del mio lavoro”.

Insomma, la corda era tesa, tesissima da diverso tempo ormai. Ed è per questo, probabilmente, che, secondo quanto raccontano fonti interne all'assessorato, Romano ha deciso di presentare le dimissioni al governatore, dopo una lunga discussione. Lo stesso Venturi avrebbe saputo dell'addio del suo dirigente generale solo in maniera informale. Nessuna lettera, al momento. Nessun atto “ufficiale”.
Ma la conferma arriva, in un certo senso, dallo stesso Romano. Contattato dalla redazione di Live Sicilia s'è limitato a rispondere con un lapidario sms: “No comment. La parola alla Politica”. Un modo come un altro per dire: “Mi faccio da parte”.
Dopo tanto rumore, così, la fine della storia è sancita dal silenzio. Al governo Lombardo, adesso, il compito di nominare un nuovo direttore. L'appuntamento, probabilmente, è fissato alla prima riunione di giunta.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php