Live Sicilia

Nuove nomine

I consulenti non finiscono mai


Articolo letto 775 volte
VOTA
0/5
0 voti

consulenze, elio d'antrassi, francesca intorcia, giuseppe russo, giuseppe schiavo, margherita scola, regione, sicilia, Cronaca
Ancora consulenze in casa Regione. Nonostante la bufera mediatica che si è abbattuta sugli esterni chiamati dall'amministrazione regionale, l'ondata di esperti non sembra arginare il suo corso. Tre, le nomine in questa settimana, tra cui quella di Margherita Scola, (ri)chiamata da Elio D'Antrassi (nella foto). Nel solo 2011 è la quarta volta che Scola viene chiamata all'assessorato all'Agricoltura, per un compenso complessivo di oltre 23 mila euro lordi.

Il particolare è che la consulente, laureata in Scienze Politiche e specializzata in Scienze del Governo e delle Amministrazioni, oltre ad avere un curriculum di tutto rispetto e un'esperienza ventennale alle dipendenze del Ministero dell'Interno, è anche sposata con Giuseppe Schiavo, componente dell'ufficio di gabinetto dell'assessore che le ha nuovamente confermato l'incarico. Ad ogni modo, fino a fine anno Scola si occuperà di programmazione, “supporto giuridico economico all'iniziativa legislativa di competenza” e monitoraggio di beni confiscati alla mafia.

Alla Salute, invece, è stata chiamata Francesca Intorcia, nominata dal dirigente generale del dipartimento per la pianificazione strategica, in qualità di medico competente. Una figura professionale, quella del medico competente, prevista da un decreto del 2008 e che costerà alle casse della Regione 17 mila euro per un biennio, fino al 2013. classe '67, Intorcia viene da Marsala, è laureata e specializzata in Medicina e Chirurgia a Palermo e ha collaborato con numerosi enti pubblici, come il comune di Prizzi o il consorzio di bonifica e la capitaneria di porto di Trapani.

L'ultima consulenza arriva all'assessorato regionale guidato da Andrea Piraino, dove si sta pensando a una legge di riforma sulla tutela e la valorizzazione della famiglia. Il disegno di legge già nei prossimi mesi potrebbe iniziare il suo iter legislativo, passando dalla giunta regionale, per poi approdare alla commissione competente all'Ars ed essere successivamente discusso a Sala d'Ercole. Intanto, prima di procedere nel lungo percorso, all'assessorato alla Famiglia è stato appunto nominato un consulente, a titolo gratuito, per un “approfondimento delle principali criticità manifestate oggi dalle famiglie siciliane”, al fine appunto di predisporre il disegno di legge di riforma di una legge quadro già esistente. Il nuovo consulente entrato nella famiglia di mamma Regione, per restare in tema, è Giuseppe Russo, avvocato, che fino a metà dicembre si occuperà dello studio sui nuclei familiari dell'Isola.

Classe 1943, Russo ha 5 figli, ha lavorato alla Provincia di Palermo e fino alla metà degli anni '90 è stato dirigente della Regione. Oggi esercita la libera professione e vanta numerosi incarichi in organizzazioni che si occupano di famiglia. Dal 2002, infatti, è presidente provinciale dell'Associazione italiana genitori, dal 2004 è presidente provinciale del Forum delle associazioni familiari e vice presidente regionale di Confcooperative. Dal 2008, infine, Russo è componente dell'Osservatorio della Famiglia proprio nell'assessorato guidato da Piraino, da cui è stato chiamato.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php