Live Sicilia

La replica dopo lo scandalo

La clinica Latteri risponde:
"Realtà distorta dai media"


Articolo letto 934 volte

clinica latteri, farmaci, inchiesta, tad, tumore, Cronaca
"E' sotto gli occhi di tutti, dunque, l'efficacia distorsiva degli articoli pubblicati sulla stampa che hanno innescato un devastante clamore mediatico e un turbinio di fantasiose ipotesi completamente infondate che danneggiano enormemente l'immagine della casa di cura Latteri e dei suoi collaboratori". Lo dice una nota della clinica Latteri che, con altre, è al centro di un'inchiesta della magistratura che ha portato alla luce, tra l'altro, lo scandalo della mancata somministrazione di Tad ai malati di tumore dopo la chemioterapia. "La mancata o ridotta somministrazione di farmaci - aggiunge - ai degenti ricoverati presso la nostra struttura: è una ricostruzione giornalistica del tutto arbitraria e fuorviante. Ferma restando, ovviamente, la nostra incondizionata fiducia nei confronti dell'autorità giudiziaria davanti alla quale saranno certamente forniti tutti gli opportuni chiarimenti in relazione agli addebiti mossi, obblighi di lealtà e rispetto verso i pazienti in primis e, comunque, verso tutti coloro che leggono e ascoltano, impongono talune importantissime precisazioni".

"E' - continua la nota - di inaudita gravità, radicalmente destituito di fondamento, nonché lesivo dell'immagine della casa di cura Latteri, dei dirigenti e di tutto il personale della stessa asserire che i malati oncologici venissero lasciati senza farmaci, così creando disdicevole panico nei pazienti e ingenerando - inammissibilmente - falsi convincimenti nei medesimi". La nota prosegue: "Per ciò che concerne il Tad ritenuto negli articoli di stampa un farmaco da impiegare nelle cure oncologiche, è necessario far sapere, per una corretta informazione, che in realtà esso non è un chemioterapico antiblastico (quindi non è un farmaco per curare i tumori), né un antiemetico (ossia un farmaco che evita il vomito), né una soluzione fisiologica o glucosata (mirata a correggere il deficit di acqua nel caso di stati di disidratazione); e non esiste, tra l'altro, alcuna evidenza scientifica che il Tad prevenga o riduca gli effetti collaterali dei chemioterapici. "Dalla cartella sanitaria risulta - conclude - che il Tad è stato, comunque, somministrato laddove, in base al quadro clinico del paziente, il medico ne abbia ritenuta opportuna la somministrazione, o, in sua alternativa, di un farmaco avente effetti simili o di altri farmaci (antiacidi, antiemetici, cortisonici, soluzioni fisiologiche e soluzioni glucosate) aventi lo scopo di alleviare gli effetti collaterali dei chemioterapici. Si è, dunque, in presenza di inaccettabili speculazioni con oscure finalità".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php