Live Sicilia

Il deputato del gruppo misto

Fiorenza: "La convenzione col Rizzoli?
Sarà un fallimento, parola di ortopedico"


Articolo letto 1.086 volte
VOTA
0/5
0 voti

fiorenza, massimo russo, rizzoli, villa santa teresa, Cronaca
"Sono un ortopedico, e posso dire che la convenzione di Villa Santa Teresa col Rizzoli sarà un fallimento". L'attacco arriva dal deputato Dino Fiorenza, ex Pd oggi al Gruppo misto.
"Sono scandalizzato! - scrive Fiorenza in una nota - La convenzione siglata oggi con il Rizzoli di Bologna che si insedierà in Sicilia, non servirà a nulla; verranno medici di secondo o terzo ordine, non opereranno i pazienti con tumori ossei e non verranno operati bambini, che sono le uniche patologie che emigrano per reali esigenze. Il vero centro di eccellenza - ha aggiunto - è in costruzione a Catania e si sarebbe dovuto procedere semmai a cercare convenzioni serie con i centri migliori d’Europa o internazionali, in armonia con le Università siciliane ben disposte a collaborare per inviare giovani leve all’estero. La convenzione con il Rizzoli è una operazione economica che servirà a rimpinguare le casse dell’Istituto emiliano in grave deficit economico, in pratica la stessa operazione condotta con il San Raffaele o con Umanitas; così si è mortificata la professionalità locale, si sono spesi milioni di euro e non si sono presentati i luminari perché hanno mandato i loro assistenti (e stento a credere che si siano privati dei migliori!!). La sanità - ha concluso - è una cosa seria, ed i problemi vanno affrontati con competenza, senza proclami, ma con buon senso e soprattutto modestia".
Sono scandalizzato! La convenzione siglata oggi con il Rizzoli di Bologna che si insedierà in Sicilia, non servirà a nulla; verranno medici di secondo o terzo ordine, non opereranno i pazienti con tumori ossei e non verranno operati bambini, che sono le uniche patologie che emigrano per reali esigenze. Il vero centro di eccellenza è in costruzione a Catania e si sarebbe dovuto procedere semmai a cercare convenzioni serie con i centri migliori d’Europa o internazionali, in armonia con le Università siciliane ben disposte a collaborare per inviare giovani leve all’estero. La convenzione con il Rizzoli è una operazione economica che servirà a rimpinguare le casse dell’Istituto emiliano in grave deficit economico, in pratica stessa operazione condotta con il San Raffaele o con Umanitas; in pratica si è mortificata la professionalità locale, si sono spesi milioni di euro e non si sono presentati i luminari perché hanno mandato i loro assistenti (e stento a credere che si siano privati dei migliori!!). La sanità è una cosa seria, ed i problemi vanno affrontati con competenza, senza proclami, ma con buon senso ma soprattutto modestia.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php