Live Sicilia

Acque agitate tra i democratici

Pd, rivolta contro Rosy:
"Rispetti il partito in Sicilia"


partito democratico, pd, raffaele lombardo, rosy bindi, Politica
Rosy si scandalizza per il sostegno del Pd siciliano al governo Lombardo? E il Pd siciliano ribatte, con toni abbastanza accesi. "Sono scandalizzata - ecco le parole della Bindi -. Il mio partito é andato ad infilarsi al governo con Lombardo anche pregiudicando la possibilità di un'alternativa. Lombardo è stato in qualche modo sollevato dal sospetto di mafia e declassato al voto di scambio. Ti paresse poco! Qualcuno gli ha fatto anche i complimenti. Vogliamo un intrigo meno chiaro tra politica e penale di questo? Io ho preso una posizione chiara. Mentre loro si trincerano sulla situazione locale io ho posto la questione molte volte, per me si è sbagliato. Quella situazione va risolta e io sono convinta che sia in via di risoluzione".

Le reazioni, dunque. "Cara Rosy Bindi, ad essere scandalizzato sono io. Della superficialità con la quale rilasci le tue dichiarazioni sulla questione siciliana, dimostrando - ritengo in perfetta buona fede - di avere una elevatissima capacità di ribaltare la verità". Lo scrive Giuseppe Arnone, consigliere comunale del Pd. "Il governo Lombardo, recependo le battaglie della parte migliore del Pd, sta realmente cambiando la Sicilia. - aggiunge - Ha bloccato l'affaire politico - mafioso dei termovalorizzatori, da alcuni miliardi di euro. Ha coraggiosamente, grazie in primo luogo ai tecnici da noi designati assessori, messo le mani nel fango dell'affarismo mafioso in materia di rifiuti, ma anche di energie alternative e di gestione delle risorse idriche". "Poi, puoi leggere il libro che ti ho dedicato lo scorso anno e, infine, i verbali - conclude - del superpentito Di Gati, da me recentemente pubblicati. E, dopo questa lettura, certamente chiederai scusa a tutti noi, uomini e donne del Partito Democratico siciliano che, assieme al Governo Lombardo, siamo in prima fila per cambiare finalmente questa terra".

"Il presidente nazionale del Pd dovrebbe dare il 'buon esempio' in materia di rispetto per il proprio partito e per gli organismi dirigenti: Rosy Bindi dovrebbe ricordare che le decisioni che lei giudica 'scandalose' sono state prese alla luce del sole all'interno del partito e ribadite nel corso di una direzione regionale vera, democratica e trasparente alla quale, oltretutto, ha partecipato il coordinatore della segreteria nazionale Maurizio Migliavacca. A dire il vero mi sarei aspettato un immediato intervento del segretario regionale in difesa del Pd siciliano, ma resto fiducioso: sono convinto che presto arriverà". Lo dice Camillo Oddo, deputato regionale del Pd e vicepresidente dell'Ars. "Oltretutto - aggiunge Oddo - trovo imbarazzante che si parli di una vicenda giudiziaria delicata come quella che ha coinvolto il presidente della Regione e ha visto derubricare le accuse nei suoi confronti, con un'approssimazione e una superficialità inaccettabili per chi ha un ruolo così prestigioso nel partito nazionale".

Ancora. "Bisogna avere maggiore rispetto per il gruppo dirigente siciliano, e questo dovrebbe ricordarlo innanzitutto chi ricopre ruoli di garanzia e responsabilità a livello nazionale. Mi aspetto da parte del segretario regionale una reazione adeguata a tutela della nostra autonomia decisionale - peraltro prevista dallo statuto - e delle scelte compiute per liberare la Sicilia dagli uomini di Berlusconi e Romano, affrontare le emergenze e rafforzare il nostro partito". Lo dice Filippo Panarello, deputato regionale del Pd. "A questo punto - prosegue Panarello - il Pd siciliano ha il dovere di uscire dall'ambiguità e prendere una posizione netta, per evitare una diaspora e interrompere questo processo di continua delegittimazione. Mi auguro che ciò avvenga in tempi brevissimi, altrimenti - conclude - potrebbe essere utile convocare un congresso straordinario per definire in maniera chiara le scelte politiche e i passi da compiere rispetto al nostro progetto e alle alleanze".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php