Live Sicilia

Il Csm sul caso Lombardo

"Il concorso esterno
doveva passare dal giudice"


Articolo letto 1.081 volte

agata santonocito, angelo lombardo, antonino fanara, Catania, csm, giuseppe gennaro, iblis, iole boscarino, michelangelo patanè, raffaele lombardo, Cronaca
La revoca è legittima, la modifica del capo d'imputazione pure, ma l'ultima parola sul concorso esterno sarebbe spettata a un giudice terzo. Che avrebbe dovuto quanto meno esprimersi sull'archiviazione. Il Consiglio superiore della magistratura non contesta "violazioni di norme ordinamentali" al procuratore facente funzioni Michelangelo Patané, ma riserva aspre critiche all'operato del reggente della Procura nell'inchiesta che riguarda il presidente della Regione Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo. Lo fa a larghissima maggioranza (17 sì, un no e un'astensione) nella pronuncia sul ricorso dei pm Iole Boscarino, Antonino Fanara, Giuseppe Gennaro e Agata Santonocito contro l'avocazione dell'inchiesta: il ricorso viene respinto con un "non luogo a procedere" perché "nel caso in esame non risultano allo stato violazioni di norme ordinamentali né da parte del procuratore della Repubblica né da parte dei suoi sostituti".

Secondo il Csm, insomma, il procuratore reggente di Catania Michelangelo Patanè aveva il potere di revocare l'assegnazione dell'indagine ai pm titolari, che stavano indagando per concorso esterno in associazione mafiosa, e aveva anche la competenza per modificare la qualificazione dei fatti da concorso esterno in voto di scambio semplice. Ma l'accusa precedente non doveva scomparire da un giorno all'altro.

"L'esercizio dell'azione penale per un reato diverso da quello originariamente ipotizzato - ammonisce il Csm - non esime dall'obbligo di richiedere l'archiviazione anche per i fatti che non risultino inclusi nella nuova qualificazione giuridica privilegiata dal procuratore della Repubblica". Insomma, doveva essere un giudice a pronunciarsi sul concorso esterno, perché "la modificazione della qualificazione giuridica non può certo comportare un'elusione dell'obbligo di sottoporre al vaglio del giudice, mediante richiesta di archiviazione, la determinazione di non esercitare l'azione penale per tutti i fatti originariamente ipotizzati".

Infine, il Csm approfitta dell'occasione per darsi un appuntamento per regolamentare questo ambito. "Il Consiglio - si legge nel parere - si riserva comunque di adottare una delibera di carattere generale che disciplini l'organizzazione dell'ufficio del pm nella prospettiva ordinamentale". Se ne parlerà probabilmente nei prossimi giorni, poco prima o poco dopo la decisione del Consiglio superiore della magistratura sulla nomina del nuovo procuratore di Catania, che diventerà automaticamente anche il titolare dell'accusa nel processo al via dal 14 dicembre. Quando, per la prima volta in questa inchiesta, Raffaele Lombardo incontrerà un magistrato giudicante.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php