Live Sicilia

il confronto tra Cracolici e musotto

Pd e Mpa: "Abbiamo i numeri
per migliorare la Sicilia"


antonello cracolici, cefalù, Francesco Musotto, raffaele lombardo, regione, sicilia, Politica
Il Pd o meglio la sua rappresentanza parlamentare all'Ars conferma il sostegno al governo di Raffaele Lombardo. E il capogruppo del Mpa,
Francesco Musotto, può subito dire che ormai "ci sono i numeri e una classe dirigente in grado di fare alla Regione le cose che servono". L'occasione per ribadire l'intesa è un confronto tra Musotto e il capogruppo del Pd, Antonello Cracolici, che si è tenuto a Cefalù in occasione della presentazione del libro di Roberto Tagliavia "Mai più terra dei silenzi", frutto di un confronto sull'autonomia e sulle vicende politiche siciliane con lo storico Francesco Renda e con il sindacalista della Cgil Antonio Riolo. Al dibattito è intervenuto anche l'ex presidente della Regione, Giuseppe Campione.

Riferendosi alla discussione sul ruolo del Pd alla Regione, il capogruppo Antonello Cracolici ha detto: "Il Pd in Sicilia non sta inseguendo né il poltronismo né il gattopardismo. La vicenda siciliana è dentro lo spaesamento generale. Il bipolarismo è tramontato ed è necessario promuovere un nuovo ordine democratico. Nei limiti del contesto siciliano - dove i giudizi e i pregiudizi morali spesso prendono il sopravvento su quelli politici - il Pd ha fatto quello che poteva: investire sulla fine del sistema politico e contribuire a dare una soluzione alla crisi. Ha così puntato sul riformismo per costruire un quadro più avanzato".

"Non si poteva - ha concluso Cracolici - fare diversamente. E' stata perciò offerta a una parte della politica la possibilità di non ricorrere ai tatticismi. Non devono essere difesi i privilegi, che alimentano l'antipolitica, ma va affrontata una nuova sfida sulla crescita e sullo sviluppo".

In sintonia con Cracolici, Musotto ha auspicato che vada avanti il progetto di "cambiare la Regione" difendendo l'autonomia. E su questo tema Musotto ha attaccato il segretario del Pdl, Angelino Alfano, per avere cercato sul decreto anticrisi "un'alleanza strategica con la Lega". "Alfano ha dato - secondo Musotto - un segnale di sudditanza". Invece andavano, per il capogruppo del Mpa, difese anche in questa sede le ragioni del Sud ormai schiacciate da una pretesa "questione settentrionale". Per Musotto è necessario ora voltare pagina. "Se non siamo capaci di cambiare - ha concluso - saremo cambiati noi".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php