Live Sicilia

Il punto

Colpevole di Cuffarismo


totò cuffaro, Politica
Non scriveremmo nulla su Totò Cuffaro, se dal carcere giungesse il silenzio. Invece, l'ex presidente della Regione rilascia interviste che ha il diritto di rilasciare per esprimere il suo punto di vista. Bene, con molto rispetto della sofferenza di un uomo che non cancella i gravissimi reati che l'hanno condotto in cella, ribadiamo il nostro. Sulla sentenza, è ovvio che ognuno può pensarla come crede: c'è la democrazia in Italia. Ma siamo davanti all'unico dato sicuro della vicenda. Le critiche sono legittime. Sarebbe meglio che fossero ricalcate su elementi specifici e concreti. Chi è convinto che l'ex governatore sia una vittima innocente ci spieghi perché. Ci dica quale passaggio della ricostruzione dei giudici non l'ha convinto. Ci si opponga carte ed episodi alla mano. Altrimenti si resta nell'indistinto. nella simpatia umana e nella faziosità, che non conducono a una serena interpretazione.

Chi scrive, oltretutto, pensa che l'ex presidente sia politicamente colpevole, uno dei massimi responsabili dei nostri guai. E che - se anche fosse a piede libero - andrebbe sanzionato dagli elettori con l'espulsione della vita pubblica. Il Cuffarismo è esistito davvero, come peggioramento grave del patologico clientelismo che riguarda un po' tutti. E' un virus della vita democratica che cancella il diritto, il senso delle istituzioni, la loro imparzialità, per sostituirli con la sub-cultura del favore, con l'aggiustamento, con gli accordi nei retrobottega. Dispiace dovere affondare il coltello. Tuttavia, al cospetto di una ricostruzione, dobbiamo scrivere che essa è lacunosa e omertosa in diverse pieghe del discorso.

A prescindere da una condanna definitiva, che esiste, e da cui non si può prescindere, Totò Cuffaro è stato il riferimento apicale di una prassi del potere diseducativa che ha prodotto disastrosi effetti di governo. Certo, molti siciliani ritengono che sia stato un benefattore. E' una circostanza che spiega l'irredimibilità della nostra terra. Siamo sudditi dello sceicco che si china sul popolo con fare benevolo. Siamo schiavi delle concessioni. Siamo vagabondi delle regole. Saremo mai cittadini?


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php