Live Sicilia

La decisione

Venturi: "Resto al mio posto
per continuare la battaglia"


ars, assessore venturi, dimissioni, imprese, Politica
L'assessore alle Attività produttive Marco Venturi resta al suo posto e non si dimette. E' una verità che ha assunto i crismi dell'ufficialità, con un comunicato. Una notte passata a riflettere, soprattutto dopo l'ultimo smacco - la riforma delle Asi impantanata - e le accuse sul caso Cicero. Un fuoco di fila di polemiche e di attacchi. Alla fine della travagliata nottata, la decisione di Venturi: "Resto al mio posto. Lo faccio per le imprese".

Ecco il comunicato dell'assessore Venturi: "Resto in questo governo per continuare la mia battaglia sulla riforma dei consorzi Asi, una legge innovativa affossata dalle logiche tipiche di un vecchio modo di fare politica con la quale si consente di far restare in vita un sistema con 800 posti di sotto governo, 11 dirigenti generali e altre voci di
spesa che costano ai siciliani oltre 4 milioni di euro. Uno sperpero di denaro pubblico che non è più tollerabile, in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando. Questa riforma avrebbe anche dato un segnale chiaro ed inequivocabile in questo senso. Invece si è deciso di mantenere immutato lo stato delle cose".

Si dice molto amareggiato Venturi per il mancato supporto della maggioranza che appoggia governo Lombardo: "Alla ripresa dei lavori parlamentari a settembre - aggiunge - riporterò il testo in commissione e riprenderò la mia battaglia a favore delle imprese e delle aziende che si attendevano questa riforma che, invece, l'asse parlamentare assolutamente trasversale ha deciso di affondare in barba alle dichiarazioni di principio che, ufficialmente e ufficiosamente, mi erano state consegnate sia da parlamentari della maggioranza sia dell'opposizione".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php