Live Sicilia

La vertenza

Fiat di Termini, si decide a settembre

VOTA
0/5
0 voti

fiat, romani, termini, Cronaca
Ai primi di settembre ci sarà un incontro sociale per il rilancio del polo industriale di Termini Imerese dove la Fiat chiuderà il suo stabilimento a fine anno. Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, al termine di una riunione con Invitalia e la Regione siciliana. "Ci siamo dati appuntamento il 7 settembre, in mattinata, per un tavolo istituzionale completo per, a mio avviso, prendere una decisione definitiva", ha spiegato il ministro. Romani ha ricordato che le proposte "in gioco" per il rilancio del sito sono sei. Al tavolo del 7 settembre, ha aggiunto il ministro, sarà presente anche "la regione siciliana, Invitalia e sarà invitata anche la Fiat".

Nel corso dell'incontro con il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, l'amministratore generale di Invitalia, l'advisor dl ministero, Domenico Arcuri, "Abbiamo preso atto del fatto che ieri - ha evidenziato Romani - è stata presentata la proposta di Di Risio ai sindacati". Un piano, quello dell'azienda automobilistica molisana Dr Motor, che "mi sembra sia stato apprezzato dai sindacati", ha osservato Romani Inoltre, ha continuato Romani, "abbiamo dato mandato ad Invitalia di lavorare questo agosto per preparare un piano per Termini". Quindi, ha proseguito il ministro "siamo concentrati per trovare la migliore soluzione possibile". La shortlist finale contiene sei proposte per la reindustrializzazione dell'area industriale di Termini Imerese, di cui due del settore automotive. Si tratta dei progetti di Di Risio e di De Tomaso. Riguardo alla compatibilità dei due piani che riguardano lo stesso comparto, a chi gli chiedeva se ci fosse un problema di compatibilità, Romani ha risposto: "direi proprio di sì".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php