Live Sicilia

La sfida sulla scuola

I 'cervelloni' stanno al Sud?
La Lega: "Voti alti regalati"

VOTA
0/5
0 voti

lega, meridione, scuola, Cronaca
Una sfida tra "cervelloni" del Nord e del Sud. La proposta arriva dai giovani deputati della Lega Nord Paolo Grimoldi e Davide Cavallotto, alla luce di indiscrezioni sui risultati dell'ultima Maturità dai quali emerge che al Sud e 100 e lode continuano a essere il doppio che al Nord. "Leggere ancora oggi - spiegano Grimoldi e Cavallotto - che nelle scuole superiori al Sud si registrano il doppio dei 100 e lode del Nord è vergognoso e imbarazzante. Ma qualcuno crede davvero che in Campania, Sicilia, Calabria, Puglia, Lazio siano tutti geni, mentre dal Centro al Nord tutti somari? Facciamola veramente questa sfida comparativa tra i 100 e lode sudati in Padania e quelli spesso regalati nel Sud: avremmo la conferma - sostengono i due giovani leghisti - dell'assurdità del valore legale del titolo di studio, di cui la Lega chiede da tempo l'abolizione. Abbiamo moltissimi giovani padani diplomati con 100 e lode, ma anche con molto meno che si confronterebbero senza problemi con i 'cervelloni' del Sud, soprattutto con quelli usciti a grappolo da una stessa scuola superiore".

Il recente secondo Rapporto di Tuttoscuola sulla qualità ha di fatto fotografato - ricordano i due deputati - il Nord Ovest del Paese come l'area territoriale dove la scuola funziona meglio, con Biella e Torino ai primi due posti della graduatoria per province. La graduatoria per Regioni vede al primo posto il Piemonte, seguito da Friuli Venezia Giulia e Lombardia. Ultime Campania, Sardegna e Sicilia. "Forse le scuole del Nord sono più selettive? - proseguono Grimoldi e Cavallotto - E' uno scandalo se non una truffa legalizzata che gli studenti del Sud partano con un 'bonus' omaggio nelle selezioni per le università, per le borse di studio e in generale con un riconoscimento nel curriculum che non corrisponde alla loro preparazione reale. E' ora di finirla. Ci spieghino, poi, com'é che questi cervelloni sono tutti senza lavoro: secondo l'ultimo Rapporto Svimez 2011 sull'economia del Mezzogiorno due giovani su tre non lavorano. Sinceramente se dovessimo assumere un laureato padano con votazione 80 e uno laureato al Sud con il massimo dei voti - concludono - non avremmo dubbi sul grado di preparazione".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php