Live Sicilia

Il garante Fleres e la nostra campagna

"Farò tutto il possibile
per il ritorno di Cardella"


carceri, francesco cardella, garante diritti detenuti, savo fleres
Salvo Fleres non parla molto. Il garante dei diritti dei detenuti ascolta. E riapre da un cassettino della memoria la storia di Francesco Cardella. La sua condanna a un anno e quattro mesi per spaccio di sostanze stupefacenti. La reclusione, arrivata lo scorso 3 maggio. Il trasferimento al carcere di Paola, in Calabria. Poi il triste epilogo, lo scorso giugno, quando le sue bambine trovarono la morte sulla Salerno-Reggio Calabria, nel viaggio per rivedere il loro papà. Quell'incontro non ci fu mai, impedito da un cavillo burocratico.

"Sono assolutamente favorevole" è il primo commento di Fleres. "Salvo che non ci siano motivi dettati dal tipo di reato per il quale il detenuto è stato condannato, la pena deve essere scontata nel luogo di residenza della famiglia. Capita spesso che per motivi di sovraffollamento sia necessario un trasferimento, sinceramente non sono a conoscenza dei motivi per cui Cardella fu trasferito".

I giornali scrissero che l'allontanamento da Palermo sarebbe stato dovuto a una lite con un agente di polizia penitenziaria. "Vede – aggiunge il garante dei diritti dei detenuti – anche qualora si fosse trattato di uno screzio, anche lì non si può fare un ragionamento senza considerare il sovraffollamento delle carceri. La situazione è invivibile e gli animi esasperati. Ed ecco che diventa più facile arrivare allo scontro, spesso dettato da futili motivi. Certo – commenta ancora Fleres – mi suona strano che un disguido con una guardia abbia comportato addirittura l'allontanamento dalla Sicilia, in questi casi spesso accade che i detenuti trasferiti per motivi disciplinari siano spostati in un'altra struttura all'interno della stessa Regione".

Oggi Live Sicilia lancia una campagna, per chiedere il ritorno a Palermo per Francesco. "Accolgo volentieri la vostra sollecitazione – conclude Fleres – su una proposta che considero più che legittima. Per questo farò il possibile per sollecitare il ritorno di Francesco a casa".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php