Live Sicilia

La ricerca

Sanità, il gap della Sicilia

VOTA
0/5
0 voti

classifica, sanità, Cronaca
L'Italia della sanità? Quasi due Paesi diversi piuttosto che due facce di uno stesso Paese, secondo Saniregio2, il modello econometrico con cui Cerm, centro studi indipendente su competitività, regole e mercati, confronta il grado di efficienza di spesa e di qualità dei sistemi sanitari delle Regioni italiane. Sono cinque - secondo il Cerm - le regioni per le quali il gap di efficienza e di qualità risulta particolarmente forte:
Campania, Sicilia, Puglia, Calabria e Lazio. Per raggiungere il benchmark rappresentato dalla regione Umbria, la Campania - dice il Cerm - dovrebbe ridurre la spesa di oltre il 33% e aumentare la qualità di quasi il 90%. La Sicilia dovrebbe ridurre la spesa di oltre il 24% e aumentare la qualità anch'essa di quasi il 90%.

La Puglia dovrebbe ridurre la spesa di quasi il 24% e aumentare la qualità di oltre il 96%. La Calabria dovrebbe ridurre la spesa di poco più 15% e aumentare la qualità di oltre il 132% (un più che raddoppio). Il Lazio, infine, dovrebbe ridurre la spesa di quasi il 13% e aumentare la qualità di oltre il 76%. Nel complesso, le cinque Regioni più devianti - sottolinea la ricerca del Cerm - potrebbero liberare risorse per circa 9,4 miliardi all'anno, più del 77% delle risorse, oltre 12 miliardi equivalenti a circa lo 0,8% del Pil.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php