Live Sicilia

regione

Con il piano "E-Gov" un milione di certificati on line

VOTA
0/5
0 voti

Oltre un milione di certificati trasmessi per via telematica, 924 scuole siciliane iscritte al progetto "Scuola Mia", oltre 2.500 lavagne interattive multimediali distribuite in Sicilia e il 95% degli uffici giudiziari siciliani che aderiscono al piano straordinario per la giustizia digitale. Sono solo alcuni degli obiettivi già conseguiti dal piano e-Gov in Sicilia.

Il piano è stato presentato  nei locali del ministero della Pubblica amministrazione dal ministro Renato Brunetta e dall'assessore regionale siciliano per l'Economia, Gaetano Armao.

"Abbiamo voluto presentare insieme al ministro Brunetta i frutti del lavoro sinergico condotto in questi mesi. Si tratta di attività che discendono - ha detto l'assessore Gaetano Armao - dal protocollo di intesa tra ministero della Pubblica amministrazione e la Presidenza della Regione siciliana, siglato a dicembre 2010, e che pone la nostra regione all'avanguardia in questo settore". "La Sicilia - ha proseguito Armao - è la prima Regione che ha recepito il codice dell'amministrazione digitale e recentemente si è dotata di una specifica legge proprio sulla trasparenza e l'efficienza della P.A., volta a combattere le infiltrazioni mafiose". Punto qualificante della legge è il piano per l'innovazione tecnologica della Regione (Pitré) che per sua stessa natura garantirà la massima trasparenza divenendo anche strumento anti corruzione e contro le pressioni mafiose.

I progetti di digitalizzazione riguardano il rapporto cittadino-PA, la sanità elettronica, la scuola e le università digitali e la banda larga. Oggi la Pec è una realtà che viene utilizzata in 70 strutture regionali. Entro il 2012 sarà estesa a tutti gli uffici. Per la sanità pubblica è disponibile l'anagrafe degli assistiti, l'applicativo gestionale delle paghe dei medici di assistenza primaria ed entro il 2012 sarà utilizzabile un programma di assistenza primaria che include il fascicolo sanitario Elettronico (FSE) e la possibilità di trasmissione dei certificati e delle ricette tramite il sistema di accoglienza regionale (SAR).

Per il settore scolastico sono nati il portale degli istituti, la base dati per la creazione dell'anagrafe scolastica e la procedura "registro di classe" per la gestione della classe e dell'attività didattica. Entro il 2011 sarà attivata la firma digitale degli statini e dei verbali di esame da parte dei docenti dell'Università di Palermo. Per la banda larga è operativa una prima infrastruttura in fibra ottica realizzata da Infratel per ridurre il divario digitale ed entro il 2011 sarà predisposto un accordo di programma quadro tra la Regione siciliana e il ministero dello sviluppo economico per il suo ampliamento.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php