Live Sicilia

Il piano del Governo non decolla

Lampedusa e il turismo che non c'è
Prezzi alti e pochi affari


brambilla, lampedusa, turismo, vacanza, Cronaca
“Siamo certi che la stagione 2011 sarà, per Lampedusa, la migliore degli ultimi anni”. Così ha detto Michela Vittoria Brambilla il 29 aprile scorso a Roma durante la presentazione dell’articolato “Piano a supporto del rilancio turistico di Lampedusa”, un pacchetto che nelle intenzioni del Governo avrebbe dovuto rilanciare la presenza turistica nell’isola siciliana grazie a tariffe vantaggiose concordate con i maggiori tour operator nazionali. Buoni vacanza a prezzi scontati, dunque, servizi televisivi e spot promozionali per ingolosire il viaggiatore dell’ultim’ora con la promessa di week-end scontati “a partire da 39,98 euro a persona”.

In realtà non è andata proprio così. Abbiamo contattato diverse agenzie, per la maggior parte ignare, a dire il vero, delle tariffe agevolate per raggiungere l’isola, scoprendo che in realtà di vantaggioso non c’è proprio niente. Anzi. Abbiamo appurato che raggiungere Lampedusa per trascorrere il prossimo week-end, con partenza il venerdì e ritorno la domenica, è un lusso non proprio a buon mercato. I prezzi più convenienti, con partenza da Roma e ritorno, per singola persona si aggirano attorno ai 350 euro. Tariffe di 300 euro circa se invece si parte da Milano. Escludendo, naturalmente, i costi di vitto e alloggio che a luglio immaginiamo incidere non poco sul costo finale della vacanza. Prezzi non proprio popolari, dunque. Soprattutto se si considera che i pochi voli che rimangono disponibili comportano almeno uno scalo e orari di partenza e di arrivo in tarda nottata. Se invece si desidera acquistare un pacchetto completo, che comprenda anche l’alloggio, le tariffe più “vantaggiose” sono quelle di Expedia che con 735 a persona include al trasferimento anche un giorno, con la formula di mezza pensione, in un hotel a tre stelle. È importante chiarire che tutte le tariffe menzionate sono il frutto di ricerche abbastanza estenuanti in rete e solitamente, i primi risultati che appaiono agli occhi del turista sono a dir poco allarmanti. Quando si dice, “passa il piacere”.

I costi per fine settimana sono molto spesso assimilabili a quelli di un viaggio, andata e ritorno di una settimana, con destinazione Stati Uniti o America Latina. I buoni propositi di rilancio turistico dell’isola, appaiono dunque, destinati a rimanere tali e le preoccupazioni degli operatori del settore turistico di Lampedusa sono assolutamente fondate. Il volume d’affari è ridotto e le previsioni per l’imminente alta stagione sono tutt’altro che confortanti.

Il mare più bello del Mediterraneo resterà, anche quest’anno, un’opportunità per pochi. E le parole della Brambilla, “abbiamo restituito prima l’isola ai lampedusani, ora la restituiamo ai turisti”, appaiono, forse, un po’ come una beffa.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php