Live Sicilia

Ars

Niente stabilizzazione dei precari
Il commissario boccia la legge

VOTA
0/5
0 voti

, Politica
Stabilizzazione dei precari, indietro tutta. Il Commissario dello Stato ha bocciato due provvedimenti approvati dall'Assemblea regionale siciliana sugli enti locali e sugli aiuti alle imprese che puntavano a dare una risposta a precari e dipendenti di enti controllati.

Secondo quanto riporta “La Repubblica – Palermo” nessuna stabilizzazione quindi per mille precari dei Comuni, in gran parte vigili urbani, e stop all'integrazione delle pensioni per i dipendenti e il personale già a riposo dell'Ente acquedotti siciliani. “In particolare - spiega il quotidiano - Aronica ha bocciato l'articolo 5 del disegno di legge sulle riserve degli enti locali che erogava ai Comuni il contributo regionale di 31 mila euro per l'assunzione dei precari con contratti in fasce elevate, C e D”. Per il commissario "Non è chiara la quantificazione della maggiore spesa dovuta all'ampliamento dei soggetti che possono beneficiare del contributo per l'assunzione”.

Bocciata anche la norma che erogava 31 milioni di euro per le integrazioni delle pensioni dei dipendenti dell'Ente acquedotti siciliano: la norma puntava a sanare un contenzioso aperto fin dal 1974, anno in cui i lavoratori sono transitati alla Regione e hanno avuto applicato il contratto dei regionali. Per il Commissario la norma approvata la settimana scorsa dall'Ars non prevedeva "né la natura dell'obbligo dell'Eas a corrispondere questo trattamento di pensione integrativo ai propri dipendenti né l'ammontare del beneficio".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php