Live Sicilia

Lombardo sulla manovra

"Siamo più lontani dal Nord
Ma noi aboliremo le Province"


manovra, raffaele lombardo, tremonti, Politica
"La manovra economica in discussione ci penalizza, perché cancella l'idea della perequazione e delle infrastrutture che ci servono e fa pagare alle Regioni a Statuto speciale i costi di questa manovra, allontanando ancora di più il Sud dal Nord dell'Italia". Lo afferma il presidente della Regione Siciliana e leader del Movimento per le autonomie,
Raffaele Lombardo. "La vedremo nei dettagli - aggiunge il governatore - ma credo che deputati e parlamentari del Sud e della Sicilia non possano pensare di non essere chiamati a rendere conto di quello che fanno. Il nostro invito è che vigilino, perché la manovra venga modificata a favore di un territorio come la Sicilia, che é già ampiamente penalizzato e non può sopportare di esserlo ulteriormente".

Sulle Province: "Le aboliremo"
"Bisogna tagliare gli sprechi. Ieri la tante volte declamata eliminazione delle Province non è stata votata in parlamento. Noi possiamo farlo in Sicilia". Lo scrive sul suo blog il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo. "La prossima settimana l'assessore Caterina Chinnici - aggiunge - definirà il testo per la creazione dei liberi consorzi dei Comuni che dovranno essere destinatari di molte competenze regionali e avranno il compito di mettere insieme i servizi". "Se in una città come Palermo c'é un unico segretario generale, un ragioniere generale o un capo dei vigli urbani perché - osserva - non ci può essere una figura unica anche per 10 o 15 comuni che insieme fanno 150 o 200 mila abitanti? Ai consorzi dei Comuni e ai Comuni stessi dovremo delegare funzioni". "La Sicilia poi, piuttosto che essere l'ultima ruota del carro, abolendo le Province e puntando sui Comuni e sui liberi consorzi, - conclude - intraprenderà una strada che il parlamento nazionale e le altre regioni non potranno non seguire".
"Questa è la più grande rivoluzione che possiamo realizzare. Credo - osserva Lombardo - che il nostro governo e l'assemblea non potranno che accogliere questa volontà". "I sindaci dei Comuni saranno inoltre eletti con la consapevolezza dei cittadini che dovranno esprimere - dice - il voto confermativo per la loro scelta. Così avremo sindaci voluti maggiormente dai cittadini e non trascinati dalle liste di supporto dei partiti. Gli assessori, in numero limitato, avranno poi ampi poteri".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php