Live Sicilia

Le reazioni. Gasparri

"Ciancimino e i compagni di merende"


Articolo letto 671 volte
VOTA
0/5
0 voti

ciancimino, maurizio gasparri, Cronaca
"Il noto Ciancimino junior viene fermato per aver calunniato il prefetto De Gennaro molto tempo dopo aver diffuso quella che a tanti apparve un'enorme bugia. Qualche domanda ai magistrati: perché attendere così tanto tempo? Lieti della severità per le calunnie a De Gennaro, erano meno gravi le calunnie di Ciancimino junior contro altri protagonisti delle istituzioni e della lotta alla mafia per le quali nessuno lo ha fermato?". E' quanto chiede il capogruppo del pdl al Senato Maurizio Gasparri.

"E ancora - aggiunge Gasparri - è meno grave che un presunto calunniatore sia stato esibito negli studi Rai da Santoro e dai suoi collaboratori, compagni di vacanze e merende di Ciancimino? Perché fu fatto passare sotto silenzio che il figlio del boss mafioso, intercettato mentre riciclava denaro sporco con criminali, si sia vantato di una sostanziale impunità dovuta anche all'uso televisivo delle sue teorie? Non andrebbe contestato qualcosa anche a chi ha fatto da megafono a questo signore? Ciancimino junior, che ci dovrebbe spiegare bene dove sono finiti i soldi del padre mafioso, è servito per calunniare eroi della lotta alla mafia come il generale Mori, e serve ai talk show della Rai dominata dalla sinistra per fare da copertura al vero scandalo, cioé la resa dello Stato alla mafia con la cancellazione del carcere duro, 41 bis, a centinaia di mafiosi al tempo di Scalfaro, Ciampi, Amato, Conso e Mancino. Sono tutte vicende collegate. C'é un ampio schieramento di persone, da Scalfaro a Santoro che dovrebbe rispondere a molte domande. La Rai, tranne rare eccezioni, è asservita ad una logica utile alla mafia e dannosa per il fronte della legalità. Ci sarà qualcuno disposto a dare spazio alla verità che mette a nudo le condotte incredibili degli Scalfaro e dei Ciancimino con codazzo di imbonitori televisivi?".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php