Live Sicilia

L'editoriale

E ora chiedete scusa a Ingroia


Articolo letto 912 volte

ciancimino, ingroia, Cronaca
Giovanni Falcone arrestò il pentito Giuseppe Pellegriti per calunnia. Sosteneva il collaborante catanese che dietro l'omicidio di Piersanti Mattarella c'era la mano di Salvo Lima e degli andreottiani di Sicilia. S'inimicò molti Falcone con quella mossa. Orlando e i retini dell'ultim'ora gli lanciarono accuse pesanti, dissero che voleva tenersi le prove nei cassetti. Qualche decennio dopo un altro magistrato non si fida delle parole di un dichiarante e lo fa arrestare per calunnia. Si chiama Antonio Ingroia.
E' lo stesso magistrato accusato di parlare troppo, di scendere in piazza a fare comizi contro il governo Berlusconi. E' il magistrato che ha raccolto le dichiarazioni di Massimo Ciancimino, che è stato accusato di averlo coccolato e di averlo fatto parlare a rate. E' lo stesso Ingroia che molti politici accusano di aver utilizzato Ciancimino per arrivare al Cavaliere e a  Dell'Utri.

Oggi quei politici, ma anche quei magistrati un po' invidiosi e quegli ultras di una fazione politica, dovrebbero soltanto chiedere scusa. Onore ad Ingroia e a quella magistratura che sa leggere le carte e rendersi conto del confine che separa l'accusa dalla calunnia, la verità dalla convenienza.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php