Live Sicilia

crisi nel mediterraneo

Riprendono gli sbarchi a Lampedusa
Arrivati settecento migranti


Articolo letto 650 volte
VOTA
0/5
0 voti

immigrazione, lampedusa, sbarchi, tunisini, Cronaca
16.22 E' gia in fase operativa il piano messo a punto dal Viminale per il trasferimento immediato dei circa mille profughi provenienti dalla Libia che si trovano in questo momento a Lampedusa, compresi i 760 appena approdati in porto. Gli extracomunitari, in gran parte provenienti da paesi dell'Africa subsahariana, saranno imbarcati sulla nave Flaminia che si trova in rada. Sul traghetto della Tirrenia, secondo quanto reso noto dal questore di Agrigento Girolamo Di Fazio, stanno salendo a bordo i primi 230 migranti che già si trovavano nel Centro di prima accoglienza. Gli altri 760 li seguiranno non appena saranno ultimate le operazioni di identificazione e i controlli sanitari. "Contiamo di fare partire la Flaminia entro la mezzanotte", ha spiegato il questore aggiungendo che la nave dovrebbe poi caricare altri 150 migranti che si trovano nella tensostruttura di Porto Empedocle prima di fare rotta verso le destinazioni finali previste per i profughi: il villaggio della Solidarietà di Mineo (Catania) e il Centro per richiedenti asilo di Crotone. Destino diverso per i 50 tunisini sbarcati la notte scorsa a Lampedusa: saranno rimpatriati immediatamente in base all'accordo bilaterale stipulato il 5 aprile scorso da Italia e Tunisia.

15.39 Secondo il conteggio ancora ufficioso reso noto dalla Guardia Costiera, i migranti sarebbero 760, di cui 62 donne (molte incinte) e 17 bambini, alcuni dei quali neonati. Si tratta dell'arrivo di migranti più numeroso mai registrato a Lampedusa con un solo barcone.

15.31 Sarebbero circa 700, secondo una prima stima, i migranti sul barcone approdato circa un'ora fa a Lampedusa, dopo essere stato soccorso dalle motovedette della Guardia Costiera. Tra di loro numerose donne, molte delle quali incinta, e bambini, alcuni dei quali neonati. Fino a questo momento sono sbarcati dalla "carretta", un vecchio motopesca in ferro di circa 25 metri, oltre 400 profughi che hanno detto di essere partiti due giorni fa dalla Libia, ma nella stiva del barcone si trovano ancora centinaia di persone. Le operazioni in banchina sono in corso e dovrebbero protrarsi per circa mezz'ora.

12.48. Un peschereccio in precarie condizioni, con a bordo oltre 400 persone, ma potrebbero essere quasi 500, si sta avvicinando a Lampedusa scortato da quattro unità della Guardia costiera. L'imbarcazione è attualmente a circa dieci miglia dall' isola: "non riesce a mantenere la rotta e ad ogni virata si inclina pericolosamente. Noi siamo pronti ad intervenire per ogni evenienza" spiega uno degli ufficiali delle capitanerie di porto che si trovano a bordo delle motovedette che stanno monitorando la situazione.

ore 12.00 Una delegazione della commissione Diritti umani del Senato sarà in visita oggi al Villaggio della solidarietà di Mineo, la struttura del Catanese che ospita migranti sbarcati in Italia e richiedenti asilo. Lo rende noto un comunicato diffuso da Palazzo Madama.
La delegazione, composta dal presidente della Commissione Pietro Marcenaro (Pd) e dal senatore Sergio Divina (Lega Nord), incontrerà il prefetto di Catania, Vincenzo Santoro, la vice prefetto Anna Maria Polimeni, l'ente gestore del Centro e le organizzazioni non governative del progetto'' Praesidium''.
Durante la visita i parlamentari parleranno con i rifugiati, con i richiedenti asilo e con i migranti economici tunisini ospitati nel centro. Al termine del sopralluogo, la delegazione incontrerà i sindaci di Mineo e di Caltagirone.

11.47. I tunisini sbarcati oggi a Lampedusa verranno subito identificati e rimpatriati secondo gli accordi sottoscritti con Tunisi, mentre i profughi verranno trasferiti negli appositi centri. E' quanto fanno sapere dal Viminale dopo lo sbarco di oggi di una cinquantina di migranti sull'isola pelagia e l'avvistamento di un barcone con circa 250 a bordo a 40 miglia da Lampedusa.

ore 10.07 Un barcone in difficoltà, con circa 250 migranti, è stato avvistato a 40 miglia a sud di Lampedusa (Ag). Nella zona si stanno dirigendo quattro motovedette della guardia costiera per prestare i primi soccorsi. In nottata un'altra imbarcazione, con 50 extracomunitari provenienti dalla Tunisia, era stata soccorsa a 12 miglia dalla costa da un'unita' della guardia di finanza.


ore 9.10 Dopo quattro giorni di tregua, anche a causa delle cattive condizioni, sono ripresi gli sbarchi di migranti verso Lampedusa.
Un barcone con 50 extracomunitari, tra cui due donne e due minori, che hanno detto di essere tunisini, è stato soccorso in nottata da una motovedetta della Guardia di Finanza a 12 miglia dall'isola.

Gli immigrati sono stati accompagnati nel centro di prima accoglienza di contrada Imbriacola dove si trovano ancora 24 minori che dovrebbero essere trasferiti nelle prossime ore verso altri centri italiani. Per i tunisini dovrebbe invece scattare il rimpatrio, in base all'accordo bilaterale stipulato il 5 aprile scorso.
L'ultimo sbarco
a Lampedusa risaliva a venerdì scorso: un barcone con 221 profughi partiti dalla Libia.




/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php