Live Sicilia

Spolli resterà in panchina

Obiettivo salvezza: al Massimino
il Catania sfida la Lazio


Articolo letto 606 volte
VOTA
0/5
0 voti

calcio, Catania, lazio, massimino, Catania, Sport
Potrebbe essere l'occasione per chiudere, virtualmente, i conti e festeggiare l'ennesimo “scudetto” consecutivo della gestione Pulvirenti: la salvezza. Il Massimino è allo stesso tempo culla e fortino degli uomini di Simeone, i quali passando da piazza Spedini, nel quartiere Cibali, cambiano carattere e marcia tenendo una media punti da rullo compressore. Considerata ormai la patologica incapacità di vincere fuori casa la partita di domenica contro le aquile biancocelesti sarà un bel match point per i rossoazzurri, impegnati in questo rush finale che riserverà ancora sorprese in coda alla classifica.

Ovviamente la Lazio non è l'avversario più morbido e demotivato che potesse capitare in questo momento. La truppa di Reja è in piena lotta Champions e la squadra ha giocato un campionato ben al di là delle più rosee aspettative, rigenerata dal mister ex Napoli dopo una stagione travagliata, vissuta con la paura della retrocessione. I laziali scenderanno in campo con il già rodato 4-3-2-1, con Zarate in avanti e a suo supporto Hernanes e Floccari. Sicuramente Simeone non si farà sfuggire l'occasione di stabilire un record. Sono, infatti, già 4 le vittorie consecutive del Catania al Massimino e l'argentino ha la possibilità di arrivare a 5, superando il Catania di Marino, Zenga e Mihajlovic, fermi a 4 successi.

D'altronde dalle parole del Cholo in conferenza stampa si capisce tutto: “Ho chiarissimo qual è il nostro obiettivo, questa partita per noi è importantissima, ci giochiamo tanto anche perché le nostre concorrenti potrebbero riuscire a vincere. Dobbiamo pensare a noi stessi, servirà l’aiuto del pubblico per darci la stessa cattiveria ed aggressività dimostrata nelle scorse partite casalinghe. La Lazio l’anno scorso ha sofferto nonostante avesse dei grandi giocatori. L’arrivo di Hernanes le ha permesso di avere equilibrio e qualità nel centrocampo, ma tutto il resto della squadra si sta comportando bene e merita la posizione in classifica".

Per quanto riguarda la formazione probabilmente il mister del Catania dovrà fare a meno di Spolli e al suo posto dovrebbe giocare Terlizzi accanto a capitan Silvestre. Mentre in mezzo al campo Ricchiuti, Schelotto e Bergessio, proprio come a Bari, giocheranno a supporto di Maxi Lopez, con Carboni e Lodi davanti alla difesa. Per gli amanti delle scommesse una curiosità: non c'è stato mai un pareggio tra il Catania e le squadre di Reja. Quattro vittorie per il tecnico friulano e due vittorie catanesi e tra l'altro il mister guidò i rossoazzurri nel 2002 sotto la presidenza Gaucci, per sole otto partite.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php