Live Sicilia

Comune di Palermo

Baruffa a Palazzo delle Aquile
Poi i consiglieri fanno la pace


Articolo letto 615 volte
VOTA
0/5
0 voti

consiglio comunale, inzerillo, mimmo russo, Politica
Una normale seduta del consiglio comunale sull’approvazione dei budget di Amap, Amg, Gesip e Amia, martedì sera si è trasformata quasi in una rissa. Protagonisti l’esponente dell’Mpa, Mimmo Russo e Gerlando Inzerillo di Forza del Sud. “Eravamo riuniti per approvare i budget e quando abbiamo toccato l’argomento Amia e Gesip - spiega Russo - la situazione è degenerata. Il mio intento era quello di escludere dalla diffida l’Amia gestita da commissari ministeriali, così ho invitato i miei colleghi ad uscire dall’aula”. Una "provocazione" che ha subito scatenato l’ira dei presenti in aula. Uno scambio di battute e la lite è servita.

“Lo stress da aula ci porta a dei comportamenti non rispettosi per il ruolo che ricopriamo – ha continuato Russo. Sono un uomo che crede nel suo ruolo istituzionale, amo il mio lavoro e forse è proprio per la troppa passione che mi sono scaldato in aula. Con Inzerillo ho subito chiarito. Per me la lite è nata e morta all’interno dell’aula stessa”. Gerlando Inzerillo, esponente di Forza del Sud, racconta come una “semplice” battuta abbia creato una una spiacevole situazione. “Quello che è successo è un avvenimento increscioso. Il consigliere Russo era carico, insieme ai suoi colleghi, per ciò che stava accadendo durante il consiglio. La mia è stata una battuta. Ho soltanto detto che potevamo fare volentieri a meno dell’Mpa e Russo ha risposto usando vocaboli un po’ forti ma l’indomani sera ci siamo visti e abbiamo subito chiarito tutto. Non siamo arrivati alle mani, solo una scambio di parole. Diciamo che Sala delle Lapidi è stata sede di un po’ di folklore palermitano: ci si altera, si inveisce ma nessun contatto fisico”.

La seduta, alla fine, martedì sera è stata rinviata. Ieri sera è stato approvato l’atto relativo ai budget per Amg e Amap mentre è saltato quello dell’Amat, il più delicato, che sarà discusso la prossima settimana. Una stretta di mano, dunque, e la pace è tornata. Fino al prossimo Consiglio?


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php