Live Sicilia

emergenza migranti

L'appello: "Non graviamo sul Sud"


Articolo letto 502 volte
VOTA
0/5
0 voti

lampedusa, migranti, Cronaca
8.37 Un altro sbarco si è verificato stanotte poco dopo le 2 a Lampedusa: una motovedetta della guardia costiera ha condotto in porto 210 migranti e altri sette sono stati intercettati dalla guardia costiera al largo di Pantelleria. In nottata erano partite le due navi La Superba e la Clodia con 1.344 migranti, lasciando nell'isola poco meno di 1.000 extracomunitari. Un aereo pattugliatore della capitaneria si è da poco sollevato in volo per perlustrare il Canale di Sicilia, e si spingerà fino a circa 80 miglia. Le condizioni del mare sono perfette per la navigazione e non è escluso che anche oggi possano verificarsi altri sbarchi. Con le stesse condizioni meteo ieri, infatti, sono arrivati a Lampedusa circa dieci imbarcazioni con oltre 600 migranti.

8.44 E' arrivata nel porto di Catania la Excelsior, la nave salpata ieri da Lampedusa con a bordo 1.731 migranti. Sono in corso le operazioni per fare scendere dall'imbarcazione circa 500 extracomunitari che saranno trasferiti nel centro di accoglienza di Caltanissetta con degli autobus. Gli altri migranti che resteranno sulla nave saranno successivamente trasferiti a Trapani e a Napoli.

8.57 La nave da sbarco 'San Marco' della Marina Militare italiana, con a bordo i profughi nordafricani prelevati nella notte di sabato scorso a Lampedusa, è attraccata nel porto di Napoli. Ultimate le operazioni di ormeggio, inizierà il trasferimento dei 471 profughi - tra i quali non figurerebbero minori - che, su una dozzina di pullman, raggiungeranno la tendopoli allestita nella caserma Andolfato di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).

9.05 In "contatto continuo" con l'arcivescovo di Tunisi, Lahham Maroun, monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo e membro della commissione della Cei per l'immigrazione, è pronto a fare da "mediatore" per la "missione complicata in Tunisia". Lo afferma lo stesso alto prelato al Corriere della Sera, sottolineando che lo ha chiamato il ministro Roberto Maroni: "ho detto che mi metto a disposizione", spiega il presule. Per monsignor Mogavero si può lavorare "grazie ai rapporti che esistono e sono assai solidi. Sono d'accordo con il ministro dell'Interno che faremo un punto subito dopo la loro missione in Tunisia". Il governo di Tunisi "é in grossa difficoltà", soprattutto "dal punto di vista occupazionale", aggiunge, convinto però che "non ci sia totale chiusura a riaccogliere chi è andato via. Ma bisogna presentarsi da loro con dei piani di sviluppo".

9.58 "A Lampedusa abbiamo dormito per venti giorni all'addiaccio, stiamo bene e non sappiamo dove ci stanno portando". E' quanto ha riferito all'Ansa un mediatore culturale riportando la testimonianza di uno dei profughi giunto nel porto di Napoli. Personale della Croce Rossa riferisce di avere trovato gli immigrati in buone condizioni anche se provati dalla fatica.

10.29 A Lampedusa altri 700 migranti stanno per essere imbarcati sulla nave 'Catania'. Si aggiungono agli oltre 3.600 portati via ieri. L'esodo è quasi completato: stamane, infatti, gli extracomunitari presenti a Lampedusa erano circa 1.400, cifra che comprende i 921 arrivati da ieri in 11 sbarchi e i circa 250 minori ospitati nella base Loran e che oggi saranno tutti identificati. I migranti partiti ieri con tre navi hanno come destinazione Trapani, Catania, Napoli e Taranto. Oltre alla nave 'Catania' nell'isola è ferma in rada anche la 'Flaminia', pronta a portare via il resto degli stranieri. Stamane per le strade di Lampedusa non c'era un solo migrante, mentre al porto commerciale sono in corso lavori di pulizia.

11.25 Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, svolgerà un'informativa urgente, domani nell'Aula della Camera alle ore 10, sulle misure adottate in relazione all'eccezionale flusso di immigrazione verso l'isola di Lampedusa. Lo rende noto un comunicato della Camera dei deputati.

11.30 L'aereo della Guardia costiera, il Piaggio T 166, che sta compiendo una ricognizione nel Canale di Sicilia, per il momento non ha avvistato altri barconi. Le condizioni meteo sono buone e nel Canale di Sicilia il mare è Forza 3. Intanto è stato rettificato il dato sugli immigrati arrivati da ieri nell'isola: non sono 921, come detto in precedenza, ma 705.

11.35 "Intendo attivare due interventi immediati, mirati al rilancio dell'immagine e dell'economia di Lampedusa, al fine di disinnescare la psicosi collettiva, attivata dalla drammatizzazione dei fatti di cronaca di questi giorni, che ha portato a migliaia di disdette, sia per Pasqua che per l'imminente stagione estiva". Lo dice l'assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida, giunto a Lampedusa per una serie di incontri con le categorie produttive e del settore alberghiero. "Ho intenzione - spiega - di attivare due iniziative immediate e concrete. La prima, nell'ambito del 'progetto Lampedusa', prevede di portare diversi spettacoli musicali e teatrali del Circuito del mito, direttamente qui, a Lampedusa. Questo per attrarre turisti e per dimostrare che l'isola sta tornando alla normalità. Il secondo punto è l'attivazione di un piano di comunicazione per il rilancio, attraverso spot tv e campagne sui maggiori quotidiani, dell'immagine dell'isola. Trovo, infatti, che alcuni servizi e reportage di questi giorni - conclude - abbiano innescato una psicosi collettiva che ha, di fatto, causato migliaia di disdette da parte di turisti che sarebbero dovuti arrivare tra Pasqua e la stagione estiva".

14.38.  "Ci sono 800 nuovi migranti arrivati nella notte a Lampedusa, dobbiamo cercare una soluzione e la stiamo studiando". Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi al termine dell'incontro con il premier tunisino Essebsi.

18.10. "Distribuire le tendopoli per gli immigrati "in modo equo e proporzionato sull'intero territorio nazionale, senza continuare a gravare soltanto sul Sud"; evitare "maxitendopoli", così da consentire una migliore vigilanza dei siti destinati all'accoglienza degli immigrati; rilasciare permessi di soggiorno per motivi umanitari ai tunisini che non abbiano comportamenti violenti e dimostrino di avere delle destinazioni finali accertabili e sostenibili, come é già avvenuto per l'emergenza Kosovo: sono questi i tre punti di una lettera che 62 Parlamentari del Pdl, di tutte le aree geografiche e di tutte le aree politiche e culturali del partito, hanno inviato sull'emergenza immigrazione clandestina al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php