Live Sicilia

La vigilia del derby

Maxi Lopez vuole farsi un regalo:
"Un successo che saprebbe di salvezza"


Articolo letto 996 volte
VOTA
0/5
0 voti

calcio, Catania, derby, maxi lopez, Sport
Per la seconda volta consecutiva, giocherà il derby nel giorno del suo compleanno. Maxi Lopez, nella stagione scorsa, approfittò di due cadeau di Goian per trafiggere la porta rosanero e regalare tre punti fondamentali al Catania. Il destino del calcio fa cadere il derby ancora il tre aprile, Maxi commenta così: “Non sono mai stato scaramantico, non credo nella cabala, e nelle superstizioni, ma il fatto di tornare ad incrociare la strada dei cugini rosanero nel giorno del mio ventisettesimo compleanno mi sembra quasi un segno del destino. E’ la partita più importante della stagione, E’ quella che i tifosi siciliani sentono di più ed io mi sento fortemente attratto da questa combinazione astrale. Mi piacerebbe regalare ai nostri tifosi una vittoria contro il Palermo che sarebbe importante soprattutto per la nostra classifica, un successo ci spianerebbe la strada della salvezza”.

Gara fondamentale per gli etnei, in bilico come ogni anno per la permanenza in massima serie: “Al di là del campanile, è una partita come le altre – dice Pietro Lo Monaco, ad del Catania - importante più che altro per il Catania che è ancora in piena lotta salvezza. Però è sempre un derby che presuppone una certa attesa e aspettativa: è aperto a ogni risultato. Il nostro obiettivo è sempre stata la permanenza in Serie A, siamo in pieno rispetto dell'obiettivo e se alla fine lo centreremo avremo vinto un altro scudetto. Il Massimino va verso il tutto esaurito - ha concluso -, ci sarà il pubblico delle grandi occasioni”. Domani sarà Simeone contro Cosmi, all’andata fu Rossi contro Giampaolo. L’ex allenatore rosanero spera nel bis: “Mi auguro che il Palermo vinca di nuovo 3-1. In queste partite non c'è una logica. Puoi prepararle al meglio, poi arriva un giocatore come Pastore e le vince da solo come all'andata, oppure fallisce dagli 11 metri e perdi come con l'Inter. Con i giovani ci sta tutto. Mi è sembrato che la squadra abbia riattaccato la spina, è l'aspetto piu' importante, al di la' delle disquisizioni tattiche”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php