Live Sicilia

emergenza migranti

Arci: "Situazione a Lampedusa non è più tollerabile"


Articolo letto 534 volte
VOTA
0/5
0 voti

arci, filippo miraglia, lampedusa, Cronaca
"La situazione a Lampedusa non è più tollerabile. I ritardi del governo, uniti a scelte sbagliate, hanno trasformato un evento del tutto gestibile - lo sbarco di qualche migliaio di migranti - in un'emergenza umanitaria che di ora in ora si carica di elementi di tensione con gli abitanti dell'isola". Lo afferma in una nota il responsabile immigrazione dell'Arci Filippo Miraglia.

"La decisione di aprire solo dopo giorni di sbarchi il centro, l'attuale sovraffollamento che costringe a condizioni di vita degradanti chi vi soggiorna, l'abbandono all'addiaccio di migliaia di persone senza che vengano attuati tempestivi trasferimenti in altri centri, prefigura - denuncia Miraglia - un comportamento che non può essere attribuito a semplice insipienza. E' inevitabile pensare che dietro queste irresponsabili scelte ci sia la volontà di strumentalizzare a fini politici una situazione che si è voluto esasperare, alimentando la rabbia dei lampedusani e indirizzandola contro le vittime anziché verso le istituzioni che latitano".

Allo stesso modo, prosegue l'esponente dell'Arci, "é davvero incomprensibile la scelta di svuotare i Cara (Centri accoglienza rifugiati e richiedenti asilo) iniziando la deportazione degli ospiti verso il villaggio ghetto di Mineo, ufficialmente per trasportarvi i migranti arrivati a Lampedusa.

Si è preferito cioé sradicare persone già inserite in percorsi di integrazione, in attesa della definizione dell'iter della domanda d'asilo, seguite, in alcuni casi, dai locali servizi di igiene mentale a causa dei traumi subiti anziché fare l'opposto, se davvero ci fosse stato un problema di carenza di posti per i nuovi arrivati".

Nel giorno che l'Onu ha dedicato alle vittime del razzismo e delle discriminazioni, "lanciamo un appello perché il Parlamento intervenga, imponendo dignitose ed efficaci misure d'accoglienza, il trasferimento dei migranti da Lampedusa verso strutture idonee, e soprattutto chiedendo conto al ministro Maroni di un comportamento così irresponsabile e poco trasparente".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php