Live Sicilia

Scontro sul calendario dei lavori all'Ars

Pdl, Pid e Fds abbandonano
la conferenza dei capigruppo


Articolo letto 799 volte
VOTA
0/5
0 voti

ars, conferenza cpigruppo, opposizione, scontro, Politica
Abbandonati i toni pacati di ieri oggi all’Ars si è consumato l’ennesimo scontro tra maggioranza e opposizione. Dopo oltre un’ora di discussione i rappresentanti di Pdl, Pid e Fds hanno lasciato la conferenza dei capigruppo lamentando “l’impossibilità di trovare un accordo”.

La proposta formulata dalla maggioranza, e che verrà ufficializzata in aula alle 16, vuole che Sala d’Ercole affronti prima la legge sulla Targa Florio, poi la semplificazione, la riforma della legge elettorale per gli enti locali e il commercio. L’opposizione però non sente ragioni e si consuma lo strappo.

“Queste – dice il capogruppo del Pd Antonello Cracolici – sono le priorità indicate dalla maggioranza. C’è comunque l’impegno a non affrontare la legge elettorale prima di martedì per trovare una mediazione politica su tema che consideriamo importante e delicato. C’è poi la volontà di portare il bilancio in Aula il 21 marzo”.

“Non consentiremo – replica il capogruppo del Pdl Innocenzo Leontini che annuncia una conferenza stampa per le 16 – alla maggioranza di fare e disfare a suo piacimento. Avevamo detto si’ alla semplificazione ma loro stessi hanno preferito ritirarla, stessa cosa per il commercio. Diciamo e diremo ‘no’ alla legge elettorale, che non è una priorità per i cittadini. Adesso attenderemo la proposta di ordine dei lavori che il presidente farà in Assemblea e vedremo cosa deciderà l’aula. Di certo ci opporremo a un ordine del giorno con la legge elettorale. La sola cosa che chiediamo è che vengano comunicate con precisione le date in cui bilancio e finanziaria arriveranno sia in commissione sia in Aula”.

L’articolo 98 quinquies comma 4 recita: “Il calendario è approvato con il consenso dei presidenti dei gruppi parlamentari che rappresentano almeno i due terzi dei componenti dell’assemblea e viene comunicato all’Assemblea medesima. Se all’atto della comunicazione un presidente di gruppo si oppone, l’assemblea delibera per alzata e seduta dopo l’intervento di un oratore per gruppo nel tempo massimo di cinque minuti ciascuno”. Tutto rinviato alle 16 quindi, con una seduta che si annuncia movimenta.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php