Live Sicilia

Il partito scricchiola

Scalia incontra Fini: si decide
il futuro di "Futuro e Libertà"


Articolo letto 618 volte

fini, scalia, Politica
Pippo ancora non lo sa cosa farà. I suoi vicini di partito dicono che mai abbandonerà "Futuro e Libertà" e che le voci di una separazione, per veleggiare verso Forza del Sud o Pdl, siano appunto solo voci infondate. Di certo, Pippo Scalia - dato nell'elenco degli ultimi transfughi - incontrerà Gianfranco Fini oggi. Cosa si diranno? Quale decisione scaturirà dal colloquio? Nell'ampio grembo degli dei, la risposta.

Comunque sia, la posizione del numero uno di Sicilia cambierà ancora i destini e l'immagine della traballante navicella finiana. Lo strappo sarebbe doloroso, un'altra pietra tombale sui sogni siciliani dei riottosi anti-Berlusconiani dell'ultima ora. Perché i finiani perdono pezzi? Perché non sono credibili nemmeno tra di loro. Perché non si può avere fiducia in chi ha sostenuto un leader politico per tanti anni, prima di scoprire - per una folgorazione congressuale - di essersi accasati con una riedizione di Barbablu. Perché Gianfranco Fini non è più verosimile nel suo ruolo super partes di presidente della Camera. E anche le notizie dall'estero non sono buone.

Siamo al tramonto di un leader e di un'esperienza? Forse sì. Neanche l'antiberlusconismo è una virtù maggiore del vizio dell'incoerenza. Fabio Granata intanto continua a lanciare proclami di vittoria dal suo blog, soffiando contumelie contro i "traditori". Argomento biforcuto, in verità: bisogna vedere chi è che ha tradito per primo.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php