Live Sicilia

La parlamentare sul suo blog

Antiracket, Sonia Alfano durissima:
"Dalle associazioni reazioni scomposte"


Articolo letto 577 volte

pizzo, racket, sonia alfano, Politica
Sonia Alfano interviene sul suo blog sulle polemiche intorno all'antiracket: "Ho visto e rivisto l’intervista in cui Valeria Grasso, persona sulla cui onestà intellettuale non posso dubitare e alla quale quindi sono costretta a credere, denuncia l’isolamento da parte delle associazioni Addio Pizzo e Libero Futuro imputandolo ai suoi rapporti con me. Sono basita, non capisco quale sia il problema nei miei confronti. Sono il Presidente di un’associazione che riunisce i familiari delle vittime di mafia, impegno che ho sempre onorato battendomi contro le mafie e le devianze istituzionali, senza mai risparmiarmi. Se Valeria si è rivolta a me, e se sono l’unica che le ha dato ascolto, la colpa non può certo essere mia. Non capisco nemmeno cosa abbiano da dire sulla mia attività politica, soprattutto in riferimento all’antimafia, ma questo magari un giorno me lo spiegheranno. Spero chiariscano anche se hanno scelto di aiutare gli imprenditori che denunciano in base alle loro scelte politiche o se quelle possono essere messe da parte in nome dell’antimafia, come ritengo debba essere”.

“Proprio per l’incredulità – prosegue Sonia Alfano – ieri ho parlato più volte con Valeria, la quale mi ha riferito che l’avvocato di Addio Pizzo Ugo Forello le ha fatto sapere di aver ‘avallato’ in prefettura la decisione sulla vigilanza dinamica nelle sue palestre. Se questo corrisponde al vero sarebbe opportuno chiarire da quando la prefettura di Palermo fa ricorso all’avallo di associazioni di privati. Quello che sta venendo fuori da questa vicenda è sconcertante. Se tutto questo corrisponde al vero, oggi perde l’antimafia e andrebbero riviste scelte e sepolcri imbiancati. Mi aspetto da Addio Pizzo risposte chiare – sottolinea Sonia Alfano – una volta per tutte”.

“Le reazioni scomposte delle associazioni Addio Pizzo e Libero Futuro non convincono. Il Presidente di Libero Futuro Colajanni, ufficializzando l’abbandono di una testimone di giustizia in nome, a suo dire, dello Stato, è salito in cattedra per dire che ‘Valeria Grasso fa un uso spregiudicato della sua immagine’ e ha aggiunto, mostrando grandissima imprudenza, ‘Non credo ci sia nemmeno motivo di sollevare un polverone, perché sarebbe inutile e dannoso, soprattutto per l’immagine della signora’. Sono dichiarazioni agghiaccianti e tendenziose, che lasciano intendere e non chiariscono, anzi, sembrano quasi delle intimidazioni. Forse è il caso che il sig. Colajanni si cerchi un mestiere o se lo inventi, perchè l’antimafia è una cosa seria – conclude – soprattutto se a farla è chi ha subito la violenza e i soprusi sulla propria pelle”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php