Live Sicilia

Il ministro degli esteri Frattini

"Tunisi ha intenzioni serie
ma l'Unione europea è assente"


Articolo letto 516 volte
VOTA
0/5
0 voti

frattini, immigrazione, tunisi, unione europea, Politica
L'Unione Europea è stata "impreparata, non ha previsto, non ha prevenuto: non si è svegliata fino a quando non c'è stata l'emergenza con l'arrivo di 5 mila persone tutte in un colpo". E' quanto ha ribadito, ai microfoni di Radio Anch'io, il ministro degli Esteri Franco Frattini ricordando che più volte nei mesi scorsi "abbiamo chiesto di affrontare" il nodo dell'immigrazione con "un vertice straordinario o di un consiglio dei ministri Ue".

La Tunisia "ha intenzioni serie", ha "schierato l'esercito lungo i porti e sta presidiando le sue coste", come dimostrano le ultime 36 ore in cui "non si è registrato neanche uno sbarco". Ma "chiede aiuto" per lo sviluppo e la crescita per fermare l'inarrestabile "flusso migratorio" verso nord. E' quanto ha inoltre sottolineato il Ministro degli Esteri, Franco Frattini, al suo ritorno da Tunisi dove ieri sera ha incontrato il primo ministro Mohammed Ghannouchi.

Il ministro degli esteri ha così ricordato di aver promesso ieri a Tunisi "5 milioni di euro come intervento di urgenza per sostenerli" ed ha sottolineato che "possiamo aprire delle linee di credito fino a 100 milioni di euro per sostenere proprio il settore privato e le pmi" nel paese. "Abbiamo inoltre invitato per giovedì 17 a Roma il ministro dello sviluppo economico tunisino che faremo incontrare con i rappresentanti delle imprese italiane e delle Regioni che possono in qualche modo aiutare le provincie più svantaggiate per partenariati".

"Questo è l'unico strumento", ha sottolineato il capo della diplomazia italiana chiamando però in causa anche l'Ue. Perché - ha spiegato - "sono ben altri i fondi che tutti insieme i 27" possono mettere in campo.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php