Live Sicilia

A rischio crollo

Palermo, Palasport sequestrato
Cammarata: "Consiglio irresponsabile"


Articolo letto 486 volte
VOTA
0/5
0 voti

cammarata, palasport sequestro, Cronaca
La Procura di Palermo ha disposto il sequestro del Palasport, che si trova nel quartiere Zen. La struttura è chiusa e inagibile da quando il maltempo, nel 2008, scoperchiò la copertura dell'immobile. Secondo i pm, che hanno riscontrato pessime condizioni statiche dell'impianto inaugurato nel 1999, ci sarebbero seri rischi di crollo.
L'indagine che ha portato al sequestro del Palasport è coordinata dal procuratore aggiunto di Palermo Leonardo Agueci e dal pm Gaetano Paci. Le indagini dalle quali sono emersi i rischi di crollo sono state eseguite dai carabinieri. Il palazzetto è di proprietà del Comune. Al momento non ci sarebbero indagati, ma ci sono accertamenti in corso per verificare la responsabilità dello stato di degrado in cui, da anni, versa l'immobile.

Il sindaco di Palermo Diego Cammarata incontrerà al più presto il prefetto Caruso per stabilire il da farsi dopo la decisione dell’autorità giudiziaria di porre sotto sequestro il Palasport. “Ho chiesto un incontro al prefetto – dice il sindaco – per stabilire con lui quale percorso è da compiersi. Il nostro obiettivo, naturalmente, è quello di rimuovere le cause che determinano la scarsa sicurezza del sito anche se al riguardo avevamo già identificato le risorse necessarie negli assestamenti di bilancio 2009 e 2010 tutte e due volte bocciati dal consiglio comunale. Le risorse per gli interventi non solo di messa in sicurezza ma di recupero e di ammodernamento dell’intera struttura sono oggi inseriti nel cronoprogramma delle risorse Cipe approvato dalla giunta comunale e che ha ricevuto il benestare del ministero. La vicenda del Palasport comunque – conclude Cammarata – è la dimostrazione ulteriore di quanto danno abbia procurato la decisione del consiglio comunale di bocciare irresponsabilmente per due volte consecutive l’assestamento di bilancio”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php