Live Sicilia

Il premier e Maroni alle 12 in Sicilia

Maroni lascia Mineo
Atteso a Catania


Articolo letto 532 volte

berlusconi, immigrati, maroni, sicilia, Politica
Dopo il premier anche il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha lasciato il residence degli Aranci di Mineo. Il responsabile del Viminale, così come il presidente del Consiglio, non si è fermato a parlare con i giornalisti. Maroni si sta recando nella Prefettura di Catania, per tenere la conferenza stampa.

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, sono arrivati a Mineo (Catania) per un sopralluogo al residence degli Aranci, la struttura finora in uso a militari statunitensi che potrebbe ospitare alcune migliaia dei migranti che stanno sbarcando in Sicilia.

Il villaggio, di proprietà di un'impresa italiana, è attualmente utilizzata in affitto dal governo statunitense: fino a poco tempo fa ospitava militari e loro familiari in servizio della base Usa di Sigonella. Il contratto di locazione dovrebbe scadere il 31 marzo prossimo.

Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, al termine della riunione sullo stato di emergenza per l'afflusso di cittadini extracomunitari a Lampedusa, terranno oggi alle 12.00 una conferenza stampa presso la Prefettura di Catania. Lo comunica il Viminale.

"Ho sentito poco fa il premier Berlusconi e domani (oggi, ndr) andremo insieme in Sicilia, nel catanese, per visionare una struttura che potrebbe ospitare immigranti tunisini arrivati in questi giorni a Lampedusa". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, in una conferenza stampa alla fine della riunione del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza, ieri.

L'emergenza immigrati tiene ovviamente banco. "Abbiamo deciso di chiedere al governo un contingente di 200 militari in più che potrebbero servire a controllare le strutture in cui sono ospitati i cinquemila clandestini arrivati nell'ultimo mese a Lampedusa", ha confermato Maroni. Che poi ha aggiunto: "C'è il rischio che decine di migliaia di persone siano pronte a partire dalla Tunisia. L'emergenza migratoria di questi giorni - ha spiegato Maroni - non ha precedenti nelle stagioni passate: nel 2008, quando ci fu il picco, arrivarono 38 mila clandestini in Italia in tutto l'anno; ora sono arrivati in un mese cinquemila. Se va avanti così si arriverà a superare quota 80.000".

Fonti vicine alla Prefettura di Catania hanno fatto sapere che il premier e il ministro degli Interni potrebbero valutare domani la scelta di un nuovo punto d'accoglienza in Sicilia a partire da tre diverse ipotesi: Sigonella, Mineo e Comiso.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php