Live Sicilia

L'Antica focacceria

La chiesa, i gazebo, le accuse
Conticello replica: "In regola"


Articolo letto 582 volte
VOTA
0/5
0 voti

conticello, san francesco antica focacceria, Cronaca
Due gazebo circondati da barriere in ferro e vetro davanti la chiesa trecentesca di San Francesco d’Assisi che occupano l’intera piazza. È questo l’oggetto della discordia tra il consigliere comunale Idv, Salvatore Orlando, e Vincenzo Conticello, titolare, insieme al fratello Fabio, dell’Antica focacceria san Francesco, a Palermo.

Dopo le parole di accusa del consigliere dell’Italia dei Valori che ha presentato un’interrogazione al sindaco Diego Cammarata, arriva la risposta di Vincenzo Conticello “Le accuse mosse dal consigliere Orlando sono assolutamente fuori luogo. Prima di muoverle bisogna fare dei controlli. Le autorizzazioni per il nostro locale ci sono state date 22 anni fa dall’allora sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Abbiamo sempre pagato e facciamo rispettare questa piazza come una delle poche zone felici della città. Dal 1969, anno in cui fu totalmente dimenticato il centro storico dal comune e dai cittadini - continua Conticello - per un certo periodo abbiamo pagato le bollette al posto della chiesa dando un aiuto perché amiamo la nostra città”.

"Ci siamo sempre presi cura della nostra piazza e abbiamo dato risalto al quartiere. Molto spesso la gente viene in focacceria per mangiare i nostri panini e dopo entra a visitare la chiesa godendo della bellezza del luogo. Molte piazze sono occupate abusivamente da altri esercenti - conclude Conticello - che però vengono lasciati indisturbati”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php