Live Sicilia

Ecco cosa prevede il ddl

Disco verde per la riforma elettorale
Annunciati migliaia di emendamenti


Articolo letto 567 volte
VOTA
0/5
0 voti

affari istituzionali, ars, emendamenti, riforma elettorale, sicilia, Politica
Via libera definitivo della commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana al ddl di riforma della legge elettorale negli enti locali. Il testo è stato licenziato stamani dalla commissione presieduta da Riccardo Minardo, ma al momento del voto i rappresentanti di Pdl e Pid hanno lasciato la seduta. “Non riconosciamo questa riforma – dicono da giorni gli esponenti dei due partiti – né nel merito ne’ nel metodo”.

La riforma prevede la scheda unica e l’obbligo di esprimere la preferenza sia per il sindaco sia per il consigliere, l’incompatibilità fra carica di assessore comunale o provinciale e consigliere (la metà dei membri della Giunta può essere scelta nel Consiglio) e la possibilità di sfiduciare il sindaco anche con un referendum popolare sostenuto da un numero di firme pari a un terzo dei votanti alla consultazione elettorale. Il referendum potrà essere chiesto 24 mesi dopo l’elezione del sindaco e c’è l’obbligo di riservare alle donne un quarto delle candidature alla poltrona di consigliere. “Adesso – spiega Minardo – si deve aspettare la conferenza dei capigruppo per decidere quando il ddl arriverà in aula”.

Ad attendere il ddl a Sala d’Ercole pero’ ci saranno migliaia di emendamenti annunciati dal Pdl e dal Pid. Ultimo atto di uno scontro tra maggioranza e opposizione che è in scena da settimane. “Gli emendamenti annunciati dal capogruppo Leontini sono pronti – annuncia Raimondo Torregrossa – faremo battaglia contro una riforma che non condividiamo assolutamente”.

"Solamente il Pid – spiega Toto Cordaro – presenterà tremila emendamenti. Siamo contrari soprattutto alla possibilità di indire un referendum di sfiducia dopo due anni e mezzo di consiliatura con le firme di un terzo dei votanti all’ultima consultazione. Significa non essere nelle condizioni di lavorare e portare a una continua ‘compravendita’ di consiglieri. Questa norma è fortemente voluta dal capogruppo del Pd Cracolici, ho la sensazione che sia la dimostrazione di una consapevolezza: essere destinato a fare nuovamente opposizione e a chiedere elezioni ogni due anni e mezzo”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php